martedž, maggio 23, 2017 12:46

Zemial – Nykta (2013)

Pur essendo sulla scena da circa 26 anni, questa band ellenica non ha mai finito di rinnovarsi e di far trovare sempre una ventata di freschezza nei suoi album. Nykta non fa eccezione, pur rimanendo fedele alla dottrina Black anni 90, non ha avuto paura di allargare la sua visione, se vogliamo, molto mediterranea, di quello che √® il genere in questi ultimi anni; non hanno avuto remore nell’impiegare parti Progressive ad altre Epic, Trash e Death, e senza trascurare quella parte melodica che rende pi√Ļ che piacevole l’ascolto di questo connubio tra generi diversi, ma che ben si amalgamano tra loro, o forse sarebbe meglio dire che √® stata proprio la bravura e l’esperienza della band a renderlo possibile, come non notare quegli emozionanti accordi di chitarra. Personalmente, non riesco a trovare parti gelide come ci si aspetterebbe in un album Black, al contrario, i suoni sono caldi e suadenti, a volte tetri, ma non persi nel gelo, casomai in un ardente deserto altrettanto mortale. Anche questa volta gli Zemial sono riusciti a creare un album di notevole fattura, a dimostrazione che il tempo e gli anni trascorsi non sempre sono nefasti se si ha qualcosa da dire.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio complessivo : 8/10

Tracklist

1. Ancient Arcane Scrolls
2. Eclipse
3. Under Scythian Command
4. In the Arms of Hades
5. Breath of the Pestilence
6. Deathspell
7. The Small
8. Pharos
9. Out of the Cage

Comments are closed.