lunedì, novembre 29, 2021 14:52

Thulcandra – Under a Frozen Sun (2011)

I teutonici Thulcandra portano sulle scene un album black/death come fin troppi se ne sono visti finora, capace di colpire l’ascoltatore più con la tecnica che con l’originalità.
Il combo bavarese,  dopo il discreto esordio “Fallen Angel’s Dominion” e alcuni cambi di line-up, dà vita ad una produzione dai ritmi decisi e rapidi, evidenziata da una durata delle tracce piuttosto breve (con l’unica eccezione di “Gates of Eden”) dove a dominare sono le chitarre, opprimenti e aggressive, che danno una pesante tonalità death alla release, pur non regalando assoli di particolare rilievo. Dal punto di vista strumentale è da sottolineare inoltre la buona prova del drumming di Grossmann, il più convincente del combo, data la velocità esecutiva e la puntualità negli interventi. Nota dolente: al momento in cui si scrive, il batterista è già fuori dal gruppo. Un gran peccato in vista di futuri full-length.
Deludente è infine la prova vocale di Kummerer, che si cimenta in un growl fin troppo classico e con poche modulazioni, che rende ‘piatti’ passaggi che altrimenti sarebbero stati di sicuro effetto.

Recensione a cura di: Akaah

Giudizio complessivo: 7/10

Tracklist

1.In Blood and Fire
2.Black Flags of Hate
3.Ritual of Sight
4.Under a Frozen Sun
5.Aeon of Darkness
6.Echoing Voices (A Cold Breeze of Death)
7.Gates of Eden
8.Life Demise (Unanimated cover)

Comments are closed.