marted, ottobre 16, 2018 06:36

The Haunting Presence – The Haunting Presence (Demo, 2011)

Prima release per la one-man band The Haunting Presence.
La demo tape è stata prodotta dall’etichetta discografica statunitense Crepusculo Negro; la prima edizione è limitata a cento esemplari numerati, realizzati in cartone nero stampati con inchiostro silver; la seconda stampa, limitata a duecento esemplari numerati a mano, è stata realizzata con carta viola.
La mente ed il braccio del progetto è il musicista americano Eduardo Ramírez che ha creato il progetto nel 2010; Eduardo Ramírez e coinvolto anche nei progetti : Arizmenda e Dolorvotre; e membro attivo del Black Twilight Circle.
Lo stile proposto dal progetto The Haunting Presence è un marcissimo black / death metal, tirato e senza fronzoli.
Le tematiche liriche ricorrenti vanno dalla violenza al caos, passando per la morte.
“ The Unsettling & Impenetrable Intelligence “ fin dai primi secondi, l’ascoltatore, entra nel mood del demo. Non c’è spazio per la minima melodia, c’è solo rabbia, morte, caos e marcescenza sonora. Ottima prova d’insieme di  Eduardo Ramírez, soprattutto nello scream anche se, causa produzione eccessivamente raw, qualche volta soffoca un po’ la struttura musicale. Durante lo scorrere del brano non mancano variazioni stilistiche (anche se non particolarmente rilevanti); traccia godibile.
“ Violent Acts of Carnality “ buona la struttura portante, la produzione raw appiattisce un po’ il suono, notevoli le scream vocals che alimentano notevolmente la putrescenza sonora. Naturale proseguimento della traccia precedente; se cercate innovazione o melodia rivolge il vostro ascolto altrove; qui c’è solo marciume.
“ Obscurity Realms (Ritual of Conscious Destruction) “ buona la ritmica, così come le scream vocals, gli inserimenti chitarristici completano l’opera assieme alla produzione che aggiunge ulteriore putrescenza sonora. Risultato finale sufficiente ma c’è molto da lavorare per quanto riguarda il songwriting.
“ The Deity of Anxiety “ outro strumentale che chiude il disco in maniera intelligente, costruendo un’ottima atmosfera catacombale e soffocante.
Un buon Demo che spiana la strada a questo ennesimo progetto interessante del sottobosco statunitense, l’ottimo Black Twilight Circle, regala parecchie soddisfazioni ai sostenitori della fiamma nera.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio complessivo : 7/10

Tracklist

1. The Unsettling & Impenetrable Intelligence
2. Violent Acts of Carnality
3. Obscurity Realms (Ritual of Conscious Destruction)
4. The Deity of Anxiety

Comments are closed.