sabato, ottobre 16, 2021 11:52

Sanhedrin – And On Into The Eternal Nether…Of Forgotten And Stricken Souls (Ep, 2011)

Nuova release per i Sanhedrin che distribuiscono, in download gratuito, sulla loro pagina ufficiale del social network facebook, questo disco.
Il progetto nasce nel 2009, in Inghilterra, precisamente nel Midlands.
Sempre nello stesso anno vede la luce la prima opera discografica un demo intitolato semplicemente : Demo 2009.
L’anno successivo è la volta del primo full-length, intitolato Salvation Through Sin; disco che ha fatto capire a tutti gli appassionati del genere l’estremo valore del gruppo inglese.
Nel 2011 il ritorno grazie a questo Ep messo in download gratuito dal gruppo stesso; come dicevo ad  inizio recensione.
Lo stile musicale del progetto è una miscela perfetta di black e death metal; le tematiche liriche sono quasi tutte incentrate sull’avversione totale nei confronti della religione.
Questa la formazione : Parmahn Azad – batteria, chitarra ritmica; John Houghton – chitarra solista e ritmica; Reece Holloway – voce, tastiere; Tom Blakemore  – basso.
“ And on Into the Eternal Nether…  “ la prima traccia dell’opera parte con la pioggia, uno splendido arpeggio chitarristico, e una suggestiva voce clean a narrare la lirica poetica e mai banale. Superata questa sezione troviamo una seconda chitarra che si inserisce prepotentemente nel brano e la composizione acquista ulteriore spessore. Perfetta la produzione cristallina che esalta le indubbie doti tecnico-compositive del progetto inglese. Prima traccia perfetta sotto ogni punto di vista; introduzione che traghetta l’ascoltatore direttamente nel cuore del disco, vale a dire nella traccia successiva.
“ …Of Forgotten and Stricken Souls “ dopo la splendida e poetica introduzione di cui vi narravo poc’anzi, con questa seconda traccia del lotto, ci troviamo di fronte ad una classica cavalcata black metal suonata alla grande dal combo inglese, capace di accelerare, rallentare, inserire parti in clean, scream, fraseggi e quant’altro senza risultare per questo stucchevole o già sentito, anzi. L’originalità proposta nelle tracce è notevole, così come la capacità tecnica e compositiva dimostra fin qui. Splendide le numerosissime variazioni stilistico-compositive che impreziosiscono la traccia e donano ulteriore longevità al disco. Reece Holloway alla voce è perfetto (sia in scream che in clean), così come il resto del combo che propone un sound quadrato e compatto per musicare la profonda lirica. Superati i cinque minuti e venti troviamo un inserimento chitarristico da pelle d’oca. Splendido fraseggio di John Houghton (che sul finale del brano, stupirà ancora con un secondo fraseggio ancor più interessante e stilisticamente impeccabile). Meraviglioso il finale in sfumato. Composizione che in oltre dieci minuti fa capire ampiamente lo spessore artistico del combo inglese. Chapeau.
“ Leviathan Restrained “ outro strumentale che dona ulteriore bellezza e caratura artistica al disco del combo inglese.
Un ottimo ritorno discografico, per uno dei black metal act inglesi più interessanti degli ultimi anni.
Ora attendo solo un altro full-length per consacrare il progetto Sanhedrin come uno dei migliori della scena nera europea.
Avanti così ragazzi.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio complessivo : 8,5/10

Tracklist

1. And on Into the Eternal Nether…
2. …Of Forgotten and Stricken Souls
3. Leviathan Restrained

Comments are closed.