domenica, luglio 15, 2018 23:20

Paria – Surrealist Satanist (2013)

Per quanto attivi da 11 anni, sono stati gli ultimi 5 a dare notorietà a questa band tedesca, che a dispetto di tutto quello che può essere simbolo di innovazione, si tiene saldamente arroccata sull’ortodossia più pura del Satanic Black Metal. Surrealist Satanism è la monolitica conferma ad una fede e ad una filosofia a volte ostica da accettare, ma che da sempre viene riconosciuta come una dei pilastri portanti del genere e, a mio avviso, ci vogliono bravura e tanto coraggio, per mantenere inalterato uno schema sonoro che sembra legato ad un passato ormai sepolto, ma in realtà solo assopito e in attesa di risorgere, chi ha creduto e crede nel Black Metal, non rinnegherà mai le sue origini, pur non fossilizzandosi sulle stesse. Mantenendo la ruvidità del genere, i suoni appaiono meno grezzi, un po’ meno istintivi e un po’ più razionali, pur non perdendo d’intensità e di aggressività,  supportata quest’ultima da uno scream feroce e modulato, che passa da quello che può sembrare un ringhio diabolico e animalesco,a brevi parti in clean. Non c’è che dire, un tuffo nel passato ma con i piedi ben ancorati nel presente, un album, o per meglio dire, una band degna di attenzione.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio comlessivo : 7,5/10

Tracklist

1. Psychonautikkch Paradigma
2. Surrealist Satanist
3. The Green Angels of Obscurity
4. Wormlike Proselitysm
5. (Behold) The Face of the Timeless Usher
6. Sodomsphinx
7. Oceans of Spermwhite Solitude

Comments are closed.