sabato, novembre 18, 2017 00:37

Negatron – Tenebre (2012)

Decisamente molto particolare questa release d’esordio degli italianissimi Negatron, già iniziando col dire che si definiscono appartenenti al Nekro Doom Metal, un mixer di Black/Thrash/Doom e aggiungerei un pizzico di sano Gothic, del resto, la cosa non stupisce se pensiamo che questo disco  è un omaggio ai maggiori registi dell’Horror nostrano e un solenne tributo al Caravaggio, nella qual specie la tela che si intitola proprio come l’album, Tenebre, l’ultima opera a cui si dedicò questo genio della pittura, proprio poco tempo prima della sua morte. La Morte, sublime ispiratrice della band, tutto gira attorno a quell’attimo che ci permette di entrare in una dimensione differente, l’attimo in cui tutta la nostra vita ci scorre davanti, mostrando al pari di fotogrammi, quegli attimi della propria esistenza che volge al termine,gettando  uno sguardo disperato e rassegnato all’inevitabile. I tempi sono sostenuti ma mai velocissimi, anzi, le parti in cui le tastiere giocano il ruolo di un organo di chiesa, tendono a creare un’atmosfera volutamente tenebrosa e profonda, riportando alla mente proprio quei film Horror degli anni 70/80 che tanto andavano di moda in Italia. Anche l’uso vocale cerca di esprimere varie situazioni,stati d’animo e ambientazioni  alternando scream, growl e parti in clean. Disco strano, un po’ ostico per chi, forse troppo giovane o forse troppo poco interessato, non conosce i capolavori, a volte i flop, di questi maestri del cinema italiano…molto più grave sarebbe ignorare il Caravaggio, comunque, si tratta della prima release…tempo al tempo.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio complessivo : 7/10

Tracklist

1. Tenebre
2. The Seven Angels
3. Wormwood Star
4. Tenebre Reprise Part I
5. The Fifth Angel
6. Rash Agitators of Darkness
7. Tenebre Reprise Part II
8. Requiem
9. In Handumdrehen
10. Tenebre Finale – In Ictu Oculi

Comments are closed.