lunedì, novembre 20, 2017 13:29

Necroshine – Diabolicunt (Ep, 2011)

I Necroshine ritornano sul mercato discografico con l’ennesima auto-produzione, stavolta si tratta di un Ep.
Il progetto Necroshine prende forma nel 2001 a Milano; nel marzo 2004 la band registra il primo demo intitolato “Through Fear And Madness”. Ad aprile 2005 presso gli Octopussy Studio di Milano viene registrato “From The Deepest Hate” il primo full-length dei Necroshine. Le nuove canzoni, al contrario delle precedente produzione, lasciano più spazio all’aggressività mantenendo comunque una base melodica
Nel 2007 il gruppo milanese registra, sempre agli Octopussy Studio, divenuti ormai sede fissa per le registrazioni della band, l’album “New Era Of Chaos” che però, a causa di alcuni ritardi, non vedrà la pubblicazione fino al 2008.
E dopo varie vicissitudini arriviamo all’uscita del nuovo Ep Diabolicunt.
Questa la formazione per il nuovo album : Mirco – basso; Daniele – batteria; Marco – chitarre; Matteo – voce.
Il genere proposto è un perfetto ibrido fra black e death metal; per quanto riguarda le tematiche liriche ricorrenti troviamo : morte, avversione totale verso la religione e misantropia.
“ Where is Your God Now “ parte la prima traccia e subito possiamo notare un sound più tirato, ferale; costruito ottimamente dal progetto nostrano. Splendide le scream vocals di Matteo; notevole la costruzione sonora sorretta da batteria e basso che dialogano alla perfezione in un muro ritmico completato magistralmente dalla chitarra. A metà brano (circa) troviamo un’ottima variazione stilistica che alimenta la longevità della composizione. La traccia rallenta sensibilmente per poi, man mano ripartire in un black metal tiratissimo.
“ Diabolicunt “ la title-track dell’opera si presenta come il naturale proseguimento della traccia precedente. Pura violenza, traccia tirata e ispirata. Splendido il songwriting, notevole la lirica, nera come la pece la voce in scream di Matteo che completa magistralmente l’opera. Vera arma in più nella traccia (così come in tutto il demo) la straordinaria base ritmica basso – batteria (lavoro immenso per Mirco e Daniele).
“ Horned God “ muro sonoro perfettamente ibridato fra black e death metal, sorretto alla grande da basso, chitarra e batteria. Come al solito, la voce di Matteo completa l’opera con delle scream vocals personali e particolarmente efficaci. Durante lo scorrere del brano troviamo diversi cambi e variazioni stilistiche che donano ulteriore longevità all’opera nel suo insieme. Il tutto senza snaturare la vera anima black / death del brano. Ennesima traccia che dimostra le qualità di questo nuovo episodio discografico per il combo milanese.
“ The Martyrdom to Proclaim the New Faith “ anche l’ultima traccia non differisce dalle altre. Il combo milanese offre all’ascoltatore l’ultima cavalcata black / death del disco. Pura violenza magistralmente coordinata dal combo nostrano. Gli inserimenti chitarristici così come le variazioni stilistiche alimentano la bellezza globale dell’opera. Ancora una volta tutto il gruppo sugli scudi con una performance d’insieme perfetta.
Concludendo si tratta di un ottimo ritorno per il combo milanese; ottimo songwriting, ottime idee e grande produzione, nonostante (lo ricordo) si tratti di un auto-produzione. Attendo con ansia la prossima pubblicazione discografica, sperando in un full-length; per ora non mi resta altro che consigliare a tutti gli appassionati di black / death metal questo Ep dei Necroshine.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio complessivo : 8/10

Tracklist

1.Where is Your God Now
2.Diabolicunt
3.Horned God
4.The Martyrdom to Proclaim the New Faith

Comments are closed.