mercoled, novembre 22, 2017 20:15

Mondvolland – Pestvogel (Ep, 2012)

I Mondvolland con l’Ep Pestvogel, ritornano all’auto-produzione, il lavoro può essere scaricato legalmente e gratuitamente attraverso il sito ufficiale del gruppo .
Il progetto olandese prende vita nel 2005, il primo demo auto-prodotto esce nel 2007 ed è intitolato “De Roep der Gevallen Helden”. La seconda release discografica è ancora un demo, auto-prodotto, intitolato “Rehearsal Demo – January 2008”.
Nel 2009 è la volta dell’Ep “..Daar Naast de Urthensula!” composto da due tracce fenomenali che aprono la strada all’album del 2010 “d’Olde Roop” prodotto dall’etichetta Apollon. Nel 2012 è la volta dell’Ep che sto recensendo, “Pestvogel”.
Questa la formazione dei Mondvolland : Mickeal – voce, basso, chitarra; Martijn – voce, chitarra; Harold – chitarra; Ask – batteria, voce.
Lo stile musicale del progetto olandese è molto difficile da collocare, molto probabilmente, viste i testi utilizzati può rientrare nel filone del folk / black metal, anche se musicalmente è molto più black metal che folk.
Le tematiche delle liriche vanno dalla storia, a racconti popolari locali.
“ Pestvogel “ la title-track del lavoro è anche la prima traccia del lotto, e apre le danze in maniera straordinaria, fin dai primi secondi ci fa entrare nel macabro mondo del progetto olandese. Ottima la costruzione sonora, sapiente la produzione cristallina che esalta le qualità dei singoli musicisti coinvolti. Notevoli le scream vocals, personali e molto fluide. Nel proseguo del brano non mancano interventi in clean, partiture strumentali di estremo valore tecnico, fra queste soprattutto i giri di basso e le incursioni chitarristiche.
“ Onzalige Bossen “ dopo la splendida title-track è la volta di un altro ottimo brano, il secondo della release che alimenta lo spessore del disco. Il combo olandese da ampia prova dell’assoluta preparazione tecnica, regalando all’ascoltatore una traccia molto buona. Eccellente la struttura ritmica fra basso e batteria assoluti protagonisti della scena; intarsi chitarristici convincenti e mai banali e scream vocals personali, rabbiose ed efficaci. Non mancano variazioni stilistico-compositive che donano maggiore longevità e bellezza all’intero lavoro.
“  Mooi Ann van Velp “ in chiusura troviamo una splendida outro strumentale, trasognante. Una chitarra acustica musica la scena in maniera egregia, suonando un tema toccante e non banale, un finale a sorpresa che rapisce ulteriormente l’ascoltatore e lo fa entrare ancora più a contatto col  folkloristico mondo creato dal progetto Mondvolland.
Un ottimo ritorno discografico per gli olandesi Mondvolland, straordinaria la produzione cristallina che esalta ogni singolo lavoro dei musicisti coinvolti ed esalta la bellezza e l’oscurità di determinati passaggi.
Ancora una volta per il combo olandese, la via dell’auto-produzione ha pagato benissimo, per la gioia di ascoltatori e sostenitori del genere.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio complessivo : 8/10

Tracklist

1. Pestvogel
2. Onzalige Bossen
3. Mooi Ann van Velp

Comments are closed.