sabato, ottobre 16, 2021 12:35

Ikuinen Kaamos – Fall of Icons (2010)

Secondo e più recente full-length prodotto dai finlandesi Ikuinen Kaamos, “Fall of Icons” si dimostra un album piuttosto deludente, nonostante la lunga gestazione portata avanti dal combo nordico dopo l’ultima pubblicazione (“The Forlorn” del 2006).
Infatti la band, senza una motivazione apparente, stravolge il proprio genere passando da un black metal puro e senza fronzoli, ad un morigerato ibrido death/black con evidenti vene progressive metal che rendono la produzione di difficile approccio.
Il gruppo infatti, puntando tutto su voci melodiche e suadenti, su ritmi spezzati, dissonanti e su numerose pause e stacchi improvvisi capaci solo di rallentare l’album, crea un’atmosfera indolente e monotona che lascia l’ascoltatore incerto tra perplessità e disgusto.
Criptica risulta anche l’analisi dal punto di vista strumentale poiché, se da una parte è possibile affermare che le tracce sono nel complesso coerenti e coese, fluide nel loro sviluppo e comunque ben registrate, dall’altra è evidente come ci sia stato un calo netto nelle abilità tecniche del gruppo, in particolare se confrontate con il full-lenght precedente., tanto da portare a pensare che le doti strumentali dei musicisti non siano per nulla sorprendenti come sembravano nel recente passato della band.
Una decisa svolta è necessaria, verso uno o l’altro genere. Questa scelta non ha pagato.

Recensione a cura di: Akaah

Giudizio complessivo: 5,5/ 10

Tracklist:

1.Indoctrination of the Lost
2.Statues
3.In Ruins
4.Condemned
5.Apart

Comments are closed.