martedž, ottobre 16, 2018 07:00

Grimoir / Krvnik / Samomor / Somrak – Covenant of the Undivine (Split, 2010)

Vinile dodici pollici, 180 grammi, edito dall’etichetta Mater Tenebrarum
Split a quattro fra straordinarie realtà del sottobosco nero sloveno.
Partono subito i Grimoir autori di un black metal pesantemente intriso di sentimenti anti-umani, oscurità e morte.
Il gruppo si forma nel 2006 e rilascia il primo demo nel 2009.
Questa la line-up : Mgla – voce; Gremmsekath – chitarra; Simurgh – chitarra; Hexer – basso; Svarog ‚Äď batteria.
‚Äú A Journey to Oblivion ‚Äú apre questo split a quattro nel migliore dei modi. Dopo alcuni secondi di stasi grazie alla potente voce in scream di¬† Mgla e all’oscuro muro sonoro eretto dal resto del gruppo, la composizione inizia il suo lungo scorrere. Notevole lo scream del singer Mgla, straordinaria la costruzione sonora, ineccepibile l’inserimento chitarristico di Simurgh. Strepitosa la sezione ritmica con un drumming incessante di Svarog. Il ritmo del brano √® potente e violento. Nonostante numerose variazioni stilistiche il brano rimane tirato dall’inizio alla fine e crea molto pathos nell’ascoltatore durante tutto il suo scorrere. Enorme il songwriting, eccellente lo scream di Mgla che condisce al meglio una composizione strumentalmente perfetta.
Finita la splendida distruzione sonora evocata dal primo gruppo si arriva al secondo combo. Si tratta dei Krvnik.
Combo che si forma nel 2009, testi blasfemi, anticristiani, negativi.
Questa la formazione : M.K – voce, basso; I.J. – chitarra; J.C. – batteria; A.D. – chitarra.
Incidono prima di questo split a quattro, anche un primo full-length sempre nel 2010.
Disco ottimo che consiglio vivamente a tutti gli amanti della nera fiamma pi√Ļ intransigenti.
Si confermano eccellenti anche in questo split con la composizione ‚Äú Prophecies So Horrid ‚Äú. Negativit√† e blasfemia allo stato puro. Splendido lo scream, incessante il ritmo creato da chitarra, basso e batteria. Enorme la prova di JC dietro il drumset. Molto interessanti i numerosi cambi stilistico-ritmici presenti nel pezzo. La sostanza del brano, tuttavia, rimane immutata. Una scarica di pugni in pieno volto dall’inizio alla fine.
Finita la cavalcata nera dei Krvnik si passa al terzo gruppo dello split.
Sto parlando dei Samomor, gruppo che si forma nel 2008.
Nel 2009 rilasciano il primo Ep e quest’anno, nel 2010 partecipano a questo split a quattro.
Le tematiche delle liriche sono le seguenti : autodistruzione, morte, satanismo.
Il duo è formato da : Morph AZ Рvoce, chitarra, basso; Flagellator Рbatteria.
Progetto totalmente differente dai due precedenti. La tipologia di black metal si avvicina molto al depressive.¬† Buone le atmosfere create, notevoli nella loro semplicit√† i riff chitarristici, particolare la voce in scream di Morph Az che alterna momenti recitati ad altri molto pi√Ļ profondi dove lo scream diventa un profondissimo growl. Traccia claustrofobica e opprimente che trascina l’ascoltatore in un vortice deprimente senza fine.
I Somrak sono l’ultimo gruppo dello split.
Si formano nel 2001 e dall’anno successivo iniziano a rilasciare i primi lavori discografici.
Il primo full-length è datato 2007 ed è rappresentato da quella gemma nera denominata The Abhorred Blessings.
Le tematiche liriche sono le seguenti : morte, satanismo e avversione.
Questa la line-up : J.D. – voce; A.D. – chitarra; J.P. – basso; M.C. – batteria.
‚Äú Prophecies So Horrid ‚Äú ritmo indiavolato, una batteria che scarica una raffica di colpi impressionante sul ‚Äúpovero‚ÄĚ ascoltatore di turno e lo rende prigioniero dall’inizio alla fine del brano. Scream vocals perfetti, eccellente la linea ritmica disegnata dal basso, inserti chitarristici notevoli, diretti e al contempo eleganti. Una traccia meravigliosa che in oltre sette minuti sa raccontare egregiamente la personalissima visione black metal dell’ultimo combo dello split. Chapeau.
Quattro ottimi progetti dell’underground nero sloveno che hanno partorito quattro brani eccezionali.
Complimenti all’etichetta Mater Tenebrarum per aver riunito in questo split queste ottime realt√† nere.
Vivamente consigliato.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio Complessivo : 8/10

Tracklist

Grimoir
1.A Journey to Oblivion

Krvnik
2.Prophecies So Horrid

Samomor
3.Moonrisen Blackhearts

Somrak
4.Hear the Prayers Scorn

Comments are closed.