sabato, novembre 18, 2017 13:44

Ghostrider – The Return of the Ghost (2011)

Un album che a guardarlo non ci si crede. Ebbene sì, come da buona fenice, i Ghostrider sono tornati, con vari rimaneggiamenti e modifiche del caso, che gli permettono di sdoganarsi dall’etichetta di “vecchi Necrodeath”.
Lasciando momentaneamente a lato i contenuti delle tracce, che già da titoli come Perkele666 risultano piuttosto inflazionati (ci sarà tempo per pensare a qualcosa di più incisivo), la band sembra dimostrare fin da subito forte affiatamento e capacità tecniche, che le permettono di costruire un album studiato nei dettagli e di buona qualità, dove convivono fluidamente sia i vocals aggressivi e fluidamente modulati sia lo strumentale, caratterizzato da una batteria marziale e puntuale e dalla chitarra, capace di regalare anche qualche assolo di notevole fattura. Certamente faranno discutere, come tutti i progetti ‘risorti’ o side projects di artisti noti, ma valgono sicuramente la pena di un ascolto, in attesa di ciò che vorranno proporci in futuro.

Recensione a cura di: Akaah

Giudizio complessivo: 7.5/10

Tracklist

1.The Exorcist
2.Curse of Valle Christi
3.The Return of the Ghost
4.Perkele666
5.Victim of Necromancy
6.Ride for Your Life
7.Doomed to Serve the Devil
8.Black Archangel
9.Hell Is the Place I’m Gonna Die
10.Power from Hell (Onslaught Cover)
11.Deep in Blood

Comments are closed.