sabato, novembre 18, 2017 19:37

Faustcoven – Hellfire and Funeral Bells (2012)

Il terzo album degli ormai rodati norvegesi Faustcoven, dal titolo “Hellfire and Funeral Bells”, conferma la grande forma del combo scandinavo, capace anche in questo caso di dare buona prova della propria forza ed energia.
Le sei tracce contenute nel tutto sommato breve full-length, di durata piuttosto variabile, dimostrano infatti come questa band sia giunta alla piena maturità, riuscendo a proporre brani interessanti, possenti ed energetici, dove la potenza dello strumentale domina sui vocals, pur senza strafare con i tecnicismi. Lo stile dei nordici si distingue infatti per il ‘muro’ formato da chitarre e batteria che, seguendo un ritmo modesto e solo a tratti più incisivo, costruiscono le basi di ogni singolo pezzo tramite fluidi dialoghi e riffing non troppo meccanici. I vocals si rifanno alla tradizione del classico black norvegese, portando la produzione a perdere un po’ di originalità, ma restando nel complesso piacevole e non ripetitiva. Sicuramente una release adatta per i classicisti in cerca di nuove interpretazioni del black degli anni d’oro.

Recensione a cura di: Akaah

Giudizio complessivo: 8/10

Tracklist

1.Hellfire and Funeral Bells
2. Convent of Earthly Delights
3. Lost in the Forest of Suicide
4. When the Wolves Howl for Blood
5. Dr. Karswell
6. Choir of Mentors

Comments are closed.