lunedě, novembre 20, 2017 05:42

Draconian – A Rose for the Apocalypse (2011)

Una gradita conferma per gli svedesi Draconian, che anche con A Rose for the Apocalypse si confermano una delle piĂą interessanti realtĂ  del Gothic / Doom metal scandinavo.
Oltre alla piacevole conferma di come un duo growl (maschile) e clean (femminile), lavorando in sintonia, dà vita ad un’atmosfera particolare e quasi onirica, il sestetto nordico fa nuovamente belle figura grazie a brani dinamici e ricchi di imprevedibili cambi ritmici, capaci di farsi apprezzare anche da un pubblico non esperto del genere. Pur non molto veloce in esecuzione, anche la parte strumentale risulta molto studiata, tanto che le chitarre danno vita ad arrangiamenti totalmente diversi tra loro per supportare le due voci, pur riuscendo a passare da uno all’altro con una fluidità sorprendente.
Interessanti anche gli inserti di violini affidati all’esperto Olof Göthlin, che aggiungono un tocco melodico non deprecabile all’intera produzione. Davvero un’ottima prova, un progetto molto interessante da seguire.

Recensione a cura di: Akaah

Giudizio complessivo: 9/10

Tracklist

1. The Drowning Age
2. The Last Hour of Ancient Sunlight
3. End of the Rope
4. Elysian Night
5. Deadlight
6. Dead World Assembly
7. A Phantom Dissonance
8. The Quiet Storm
9. The Death of Hours

Comments are closed.