sabato, gennaio 20, 2018 19:03

Doombringer – Sevenfold Pestilence (Ep, 2012)

Nuovo lavoro per il combo polacco Doombringer, un Ep intitolato Sevenfold Pestilence, prodotto dall’etichetta discografica tedesca Amor Fati Productions, realizzato in vinile sette pollici.
Una citazione a parte la merita lo splendido artwork ad opera dell’artista americano Vatra I Sumpor. Il gruppo nasce come side-project di membri dei progetti Cultes des Ghoules e Bestial Raids, nel 2007.
L’anno successivo è la volta del primo lavoro discografico, un demo, intitolato “Primeval Sorcery”; segue nel 2010 il demo “Abhorrent Dreams of the End”.
Nel 2011 esce la compilation “Ancient Abominations” che raccoglie i due demo precedenti, e nel 2012 è la volta di questo Ep che sto recensendo : “Sevenfold Pestilence”.
Lo stile musicale proposto dal terzetto polacco è un death / black metal particolarmente feroce e potente; i temi lirici vanno dall’oscurità all’occultismo passando per il Necronomicon.
Questa la line-up : Sepulchral Ghoul – batteria; Pestiferous Preacher – voce; Old Coffin Spirit – voce, basso, chitarra, tastiera.
“ Seven Evil Spirits “ fin dalle prime note, ci si può subito accorgere dello strapotere strumentale del progetto. Ottime le linee chitarristiche, ritmica impeccabile con un lavoro egregio di Sepulchral Ghoul alla batteria. Il muro sonoro è impreziosito da basso, chitarra e tastiera che alimentano la malignità espressiva del brano; la voce in growl sofferta e profonda allo stesso tempo fa entrare l’ascoltatore nell’inferno sonoro creato metodicamente dal combo polacco. A ridosso del terzo minuto troviamo un repentino quanto efficace cambio di tempo che dona ulteriore longevità e bellezza alla composizione, complici dei sapienti intarsi chitarristici. Composizione magnifica.
“ Summoning Undead Mysteries “ naturale continuazione della traccia precedente. Muro sonoro impenetrabile, ritmo tirato, inserimenti chitarristici distorti e profonda voce in growl che alimenta l’efficacia del pezzo. Durante lo scorrere del brano non mancano numerose variazioni stilistico-compositive che mettono in evidenza la preparazione tecnica del terzetto polacco.
Ottimo Ep che, dopo i demo, evidenzia anche la maturazione compositiva del progetto.
A questo punto è giusto attendere un full-length per promuovere completamente questo progetto dell’underground nero polacco.
Consigliato agli amanti delle sonorità estreme, grezze e feroci ma allo stesso tempo ragionate.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio complessivo : 8/10

Tracklist

1. Seven Evil Spirits
2. Summoning Undead Mysteries

Comments are closed.