sabato, novembre 18, 2017 13:47

Dødkvlt – III: Domini Ascensionem (2012)

Terzo capitolo aggiunto nell’elaborazione e nella stesura di quella Bibbia nera, di cui Lord Theynian ne è degno profeta, come volevasi dimostrare, III si presenta in tutta la sua magnificenza nell’elaborare ed integrare generi che a volte con il Black hanno poco a che fare, non sfuggono le sfumature jazzistiche o quelle classiche che sdrammatizzano e arricchiscono le atmosfere sulfuree tanto care a questo filone. Anche in questo caso, la strada intrapresa è quella che, come appena detto, gioca sulle atmosfere; esauriti, o forse sarebbe meglio dire, ponderatamente incanalati,  la rabbia e l’odio iniziale, si assiste ad una maturazione spirituale, che porta a lidi meno caotici e distruttivi, dove sonorità armoniche si intrecciano ad altre teatralmente drammatiche, un passaggio dall’Inferno dove caos e distruzione erano dominanti, ad un Inferno dove c’è spazio anche per piacevoli attimi meditativi, e una panoramica sullo stesso che, oltre alle fiamme e al clima sulfureo, dà una visione maestosa e imponente al regno dell’Oscuro Signore. Stemperando sonorità grezze ad altre melodiche e sincopate, il risultato è un disco che non presenta parti morte o noiose. Decisamente III non ha deluso le mie aspettative, mantenendo integra la filosofia di base, ma evolvendosi musicalmente e seguendo coerentemente il concept iniziato nel 2009.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio complessivo : 8/10

Tracklist

1. Dark Void Architect
2. A Curse Upon This Wretched World
3. As I Descend Into the Bottomless Void
4. Enlightened
5. Abysmal Mausoleum
6. Final Seal Broken

Comments are closed.