luned, novembre 20, 2017 05:28

Diablery – The Eye (Ep, 2011)

Ritorno discografico per il combo greco Diablery, disco autoprodotto e distribuito sotto forma di download digitale, scaricabile gratuitamente dal loro myspace.
Il gruppo si forma ad Attica (Grecia) nel 2008, e due anni dopo, nel 2010, esce il primo lavoro discografico : un Ep autoprodotto The Catharsis.
Nel 2011 arriva il nuovo lavoro, anche questo auto-prodotto, e distribuito in download legale dalla stessa band (come riportato sopra).
Dal punto di vista musicale il gruppo greco fonde in maniera ineccepibile elementi sinfonici a black metal tirato.
Le tematiche liriche vanno dall’abolizione totale delle religioni, ad un satanismo che si rifà alla Church Of Satan americana (Anton LaVey); dove L’uomo diventa il dio di se stesso.
Questa la line-up : Ion Vader – basso; Revan – batteria; IakChaos – chitarre; Nimerius – chitarre; Nazfell – tastiere, synths; Setesh – voce.
“ Legion “ primo capitolo della release; fin dai primi secondi possiamo capire l’enorme divario che c’è fra questa pubblicazione e la prima, targata 2010; praticamente un abisso. Il gruppo si è evoluto moltissimo e a risentirne positivamente è questa nuova uscita che pulsa di black metal oscuro e tirato seppur sinfonico. Ottima la costruzione sonora, reparto ritmico supportato alla grande da basso e batteria che creano un vero e proprio muro sonoro. Le scream vocals, perforano il muro, e si abbattono sull’ascoltatore assieme ai riff chitarristici. Traccia veloce e diretta che scatena in pochi minuti tutta la furia del combo greco.
“ Vanity Of Darkness “ sapienti intarsi sinfonici creati dalle tastiere e synth di Nazfell, introducono al meglio questa seconda composizione. Dopo alcuni secondi parte la traccia vera e propria; supportata da un muro ritmico molto potente, grazie soprattutto al basso di  Ion Vader.  Setesh dietro al microfono è autore di scream vocals convincenti e personali. Revan alla batteria, e gli intrecci chitarristici di IakChaos e Nimerius completano l’opera alla grande regalando all’ascoltatore un’ottima traccia.
“ Aeon Of The Dark Light “ il terzo capitolo del disco si presenta come una naturale evoluzione delle traccia precedenti; notevole la costruzione sonora, buona l’asse ritmica basso-batteria; interessanti gli inserti chitarristici e ottime le scream vocals. Traccia che, durante lo scorrere dei minuti, cambia molte volte faccia riuscendo nella non facile impresa di non snaturarsi mai; il tutto a favore di una maggiore longevità d’insieme.
“ Beyond The Cosmic Rules “ strepitoso il drumming di Revan, incessante, potente e tecnicamente molto valido. Ottima la struttura, sorretta in modo egregio da tutto il combo e resa ancora più “oscura” dai synth suonati da  Nazfell. A ridosso del primo minuto arrivano anche le scream vocals di Setesh. Traccia notevole.
Un buon lavoro di symphonic black metal, suonato e prodotto in maniera ineccepibile dal combo greco.
Attendo con ansia nuovo materiale nella speranza che qualche etichetta del settore si accorga del talento di questi ragazzi.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio complessivo : 7,5/10

Tracklist

1. Legion
2. Vanity Of Darkness
3. Aeon Of The Dark Light
4. Beyond The Cosmic Rules

Comments are closed.