domenica, novembre 19, 2017 21:33

Decieverion – Cassette 2010 (Demo, 2010)

Demo tape autoprodotto per il progetto statunitense realizzato in musicassetta limitata a soli cento esemplari.
Il combo americano si forma nel 2000 e dall’anno successivo immette sul mercato il primo demo intitolato “Summonings of the Ancient Souls of Misfortune”, seguiranno negli anni a venire, due ep, uno split e questo demo in cassetta.
Lo stile musicale proposto è un classico black metal, diretto, potente e grezzo; mentre per quanto riguarda le tematiche liriche si va dal forte sentimento contro il genere umano,  a quello, sempre forte, contro le religioni organizzate.
Questa la formazione che ha registrato la demo tape : Sykes – chitarra; Necrodemius Hammerhorde : voce / chitarra; Dost – batteria; Doomhammer – basso.
“ Long Live My Sins “ dopo uno stridente feedback chitarristico, che funge da introduzione, parte la composizione vera e propria. Ritmo medio, con batteria che detta la velocità del brano, medio. Né troppo esasperato, ne troppo lento. Tendente molto più alle funeral doom rispetto alle usuali strutture black metal. La composizione che i Decieverion sviluppano è deprimente, angosciante e fottutamente nera come la morte. Meravigliosi gli inserimenti chitarristici che alimentano la bellezza del brano. Sul finale, molto interessanti, le variazioni stilistico-compositive così come l’ottimo cambio di registro proposto dal singer. Risultato d’insieme veramente riuscito.
“ Bleeding Within “ seconda e ultima traccia del lotto. Le chitarre in feedback sono parte integrante del sound proposto dal combo americano. Anche in questo caso, il suono distorto funge da introduzione. Composizione molto diversa dalla precedente. Molto potente, veloce, diretta. La batteria in blast-beat  spinge la composizione verso lidi più classici e black metal-oriented. Durante i quasi nove minuti totali, la composizione cambia molte volte faccia, grazie a numerose variazioni stilistiche che donano ulteriore longevità all’operato del combo americano.
Un buon demo che fa ben intendere quali siano le volontà del progetto.
Sperando che qualche etichetta, magari indipendente, si prenda la briga di promuoverli tramite un nuovo lavoro, magari un full, sarebbe il primo dopo anni di onorata carriera nell’underground nero.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio complessivo : 7,5/10

Tracklist

1. Long Live My Sins
2. Bleeding Within

Comments are closed.