lunedì, novembre 20, 2017 17:09

Death Chant – Decay (Ep, 2011)

I Death Chant, combo della Florida (USA), tornano sul mercato discografico con un Ep prodotto dall’etichetta Death Chant Music.
Il progresso discografico del gruppo prende vita nel 2007 con la release del primo demo, “Evil Green”, scaricabile gratuitamente; segue nel 2008 il primo album “Sloopy Seconds”, un lavoro molto maturo, sicuramente più deciso del demo.
Nel 2009 è la volta di due uscite, lo split con i Mortifier (Reanimated Remains) e il secondo album, intitolato semplicemente Death Chant.
Nel 2010 escono ancora uno split (questa volta con i Destruction from Within) e il terzo full-length (Among the Shadows). Segue nel 2011 questo Ep di tre brani.
Lo stile musicale proposto è un black metal tirato e potente
La formazione del combo statunitense ̬ la seguente : Micah Рbasso, chitarre, batteria; Chris Biancifer Рvoce, chitarre; Jarred Рbasso.
“ AbraCadaver “ la prima traccia della release parte con un bel riff chitarristico, coadiuvato dall’incessante incedere ritmico basso-batteria e dalle ottime scream/growl vocals di Chris Biancifer particolarmente efficaci e personali. La produzione raw alimenta la bellezza del brano, donandogli un’aura ancor più negativa e distruttiva. Immensa la prova di Micah dietro il drumset. Durante lo scorrere della traccia troviamo anche delle peculiari parti vocali in clean che si stagliano sull’ottima stratificazione sonora proposta dal combo statunitense. Non mancano repentine variazioni stilistico-compositive che donano ulteriore longevità alla traccia.
“ Cease To Exist “ la title-track dell’opera ha un incedere ripetitivo e un growl che non incanta, non c’è più l’effetto sorpresa che c’era col brano precedente ed il risultato finale è appena sufficiente. Peccato perché con il primo brano del disco, il combo americano, aveva raggiunto livelli a dir poco notevoli. Non che questa non sia una composizione godibile, ma la genialità del primo brano appare lontana.
“ Necropolis”  Chris Biancifer, con i suoi prepotenti riff chitarristici e le possenti vocals in bilico fra growl e scream detta il passo. Il disco si conclude alla grande con un pezzo eternamente in bilico fra black e death metal. Micah al drumkit fa il diavolo a quattro e con il prezioso aiuto di Jarred al basso completa nel migliore dei modi questo terzo ed ultimo brano del lotto.
Il disco risulta un buon antipasto di quanto, il combo americano, proporrà nel futuro, con un altro studio album. Molto interessanti, come ho già avuto modo di sottolineare nel track-by-track, alcuni elementi del songwriting.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio complessivo : 7/10

Tracklist

1. AbraCadaver
2. Cease To Exist
3. Necropolis

Comments are closed.