sabato, novembre 18, 2017 10:06

Dead as Dreams – Their Steps Become Unbearable (Ep, 2010)

Ep edito dall’etichetta GoatowaRex e rilasciato in mini cd limitato a 500 copie.
Le prime 100 copie con una speciale toppa con il logo.
Questo particolarissimo progetto black metal proviene nientedimeno che dalla California, San Francisco. Stati Uniti d’America.
Testi ricchi di disperazione, racconti epici.
Il gruppo si forma nel 2007 e nel 2009 incide il primo lavoro discografico. Uno split con i francesi Aurvandil. Split interessante soprattutto per la traccia ad opera del combo americano.
Poi si arriva a questa seconda uscita : targata 2010.
Un Ep che vede al suo interno una lunga cavalcata black metal di più di ventiquattro minuti.
Questa la formazione del progetto americano : Eld – voce, chitarre; A. – batteria, voce; Hraesvelgr – basso session.
“ Fading Vision “ Oltre ventiquattro minuti primi di rara follia nera ricca di disperazione e malinconia. Il guitar work di Eld è pregevole fin dai primi secondi grazie a pregevoli chitarre sovra-incise in modo certosino. A ridosso del secondo minuto si entra nel vivo del brano. Dopo una lunga introduzione strumentale ecco finalmente giungere il cantato, uno scream devastante e particolarmente malinconico realizzato con personalità e classe da Eld. Splendido il basso suonato in maniera perfetta dal session Hraesvelgr. Incredibile il lavoro chitarristico di Eld dannatamente perfetto con il mood malinconico-deprimente delle liriche. Ottima la produzione sonora che esalta ogni singolo strumento dando anche notevole valore aggiunto al potente scream di Eld. Superato il sesto minuto la composizione si fa marcatamente opprimente e claustrofobica grazie alla foga esecutiva del batterista e alle sapienti incursioni chitarristiche di Eld. Dopo questa parentesi troveremo pause, ripartenze e poi, superati i dieci minuti primi, un ulteriore cambio stilistico perfetto. Immensa l’impalcatura strumentale eretta dal combo statunitense. Moltissimi i cambi di tempo e ritmo che farciscono al meglio la lunga cavalcata nera proposta fra i solchi digitali di questo mini cd. Ottimo il risultato finale a cavallo fra malinconia, melodica e tanta, sana, violenza nera. Da pelle d’oca la parentesi strumentale presente dal tredicesimo minuto fino a ridosso del sedicesimo con un inserto strepitoso di chitarra acustica sapientemente arpeggiata dal geniale Eld.
Il terzetto americano è letteralmente devastante e ci regala un’ottima traccia che racchiude in se tutte le notevoli potenzialità del progetto.
Qualitativamente parlando nettamente superiori alla media.
Attendo con ansia il primo ful-length per saggiare le indubbie qualità artistico-compositive del combo statunitense anche su lunga distanza.
Consigliato.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio Complessivo : 8/10

Tracklist

1.Fading Vision

Comments are closed.