sabato, novembre 18, 2017 00:56

Dark Funeral – Angelus Exuro pro Eternus (2009)

Ecco il ritorno dei demoni svedesi.
Tornano dopo gli splendidi dvd Attera Orbis Terrarum – Part 1 e Part II. Due, doppi DVD, pieni di materiale : concerti, videoclip e tonnellate di audiovisivi professionali e bootleg (estremamente consigliati a tutti gli amanti delle sonorità black metal scandinave).
Ritorno discografico che suggella l’entrata nel rooster di Nils Fjellström alias Dominator alla batteria (già attivo con molti progetti, fra cui gli In Battle).
l’ultimo full era il buono Attera Totus Sanctus ma qui i Dark Funeral si sono superati creando delle composizioni tecnicamente molto valide con numerosi cambi di tempo/ritmo e soprattutto una performance corale maestosa.
Questa la line-up per il nuovo album :
Emperor Magus Caligula (Masse Bromberg) – Voce, basso; Lord Ahriman (Micke Svanberg) – chitarre; Chaq Mol (Bo Karlsson) – chitarre; B-Force – basso; Dominator (Nils Fjellström) -batteria.
“ The End of Human Race “ Apre l’album con una scarica di adrenalina e violenza senza eguali. Devastante il ritmo forsennato, il riffing intricato e lo straordinario strapotere di Dominator dietro il drumkit. Dopo soli venti secondi veniamo rapiti e immersi completamente nella visione nera del combo svedese. La belva svedese scatena l’inferno dentro questa prima traccia, Emperor Magus Caligula, con il suo scream, apporta ulteriore marcescenza sonora al combo. Meravigliosi i cambiamenti stilistici e compositivi presenti nel brano. Interessanti le micro-pause e le relative ripartenze spaccaossa. Eccellenti gli inserimenti chitarristici disegnati con grande classe da  Lord Ahriman. Difficile pensare ad un esordio migliore per l’album.
“ The Birth of the Vampiir “ La seconda traccia del lotto viene introdotta alla grande da un ottimo riff portante che guida l’ascoltatore nei meandri di un antico rito ancestrale. Composizione devastante per potenza e ritmica incessante (Dominator, dietro il drumset è una macchina da guerra). Eccellenti i riffing di chitarra e basso che donano ulteriore potenza al brano. Incredibile lo scream imperioso di Emperor Magus Caligula che chiude alla perfezione il cerchio magico della composizione, proponendoci una performance magistrale tra scream e parti parlate (alternate a meraviglia). Incredibili per qualità e tecnica i vari stacchi e cambi di tempo proposti dal gruppo scandinavo durante tutta la traccia.
“ Stigmata “ Composizione più “ragionata” delle precedenti. Perfetto l’incedere creato con riff lenti e oscuri e con un drumming rallentato e tecnicamente ineccepibile. A ridosso del primo minuto però siamo invasi subito da una scarica di violentissimo blast-beat di Dominator e la composizione si sposta su tempi elevatissimi grazie al riffing incessante, claustrofobico e particolarmente opprimente, che sembra non lascia il minimo spazio alla melodia. Ancora una volta determinante la performance vocale di  Emperor Magus Caligula. Letteralmente stupendi gli inserimenti chitarristici carichi di malvagità sapientemente condita con un pizzico di melodia.
“ My Funeral “ Questa è la composizione scelta come apripista per l’album. Brano fenomenale che racchiude varie differenti sfaccettature compositive del combo nordico. Emperor Magus Caligula alterna vari tipi di scream (tutti realizzati con estrema bravura) imponendo la sua presenza massiccia nelle orecchie dell’ascoltatore che rimane impietrito e profondamente scosso dal testo e dalla performance corale di un gruppo dannatamente “maligno”. Eccelsi gli stacchi completati dalle ripartenze mai esagerate (soprattutto rispetto alle tre composizioni precedenti, particolarmente violente ed estreme).  Lord Ahriman e  Chaq Mol eseguono degli ottimi inserimenti chitarristici per tutto il brano e ci deliziano con un riffing costante e claustrofobico. Elegante il finale sfumato.
“ Angelus Exuro pro Eternus “ la title-track dell’album, a livello lirico, è un concentrato di satanismo intransigente e profondamente anticristiano. Dal punto di vista musicale è la classica badilata in pieno volto, sciorinata con la solita innata classe e devastazione sonora di cui pochissimi gruppi sono capaci. Notevolissima la prova dietro la batteria di Dominator (vero dominatore della scena). Ancora una volta eccellente lo scream di  Emperor Magus Caligula che riesce a farsi largo attraverso la violentissima traccia intrisa di marcescente arte nera. La composizione presenta alcune variazioni sonore che, comunque, non cambiano mai la sostanza del brano ; pura violenza impregnata di arte nera.
“ Demons of Five “ Composizione nera come la pece introdotta da un granitico riff chitarristico. A ridosso del primo minuto arriva la sezione ritmica di basso e batteria a completare il tutto. Incredibile il cambio di registro vocale proposto da Emperor Magus Caligula un grandissimo mix di profondissimo growl miscelato sapientemente con uno scream riconoscibile fra mille. Spettacolari gli stacchi e le varie ripartenze assassine precedute da ottimi inserimenti chitarristici che donano una malsana melodia alla traccia. Magnifico il fraseggio chitarristico presente sul finale; pura arte nera realizzata con tecnica ed eleganza.
“ Declaration of Hate “ Mai titolo fu più indovinato. Una vera e proprio dichiarazione d’odio risulta essere questa settimana traccia del disco. Ancora una volta Emperor Magus Caligula risulta perfetto con il suo scream lacerante così come Dominator dietro la batteria che chiude il circolo strutturale-ritmico del brano. Immensi Lord Ahriman,  B-Force e  Chaq Mol. Dannatamente convincente la performance d’insieme del combo svedese che ci regala l’ennesima perla in musica. Pregevoli i vari cambi di ritmo con stacchi e cambiamenti stilistici che non intaccano l’animo nero e cupo del brano. Elegante il finale sfumato.
“ In My Dreams “ Composizione molto più ragionata e meno violenta delle precedenti. Immensi gli innumerevoli inserimenti chitarristici realizzati con grande cura dalla coppia di asce  Lord Ahriman / Chaq Mol. Composizione che viaggia su tempi medi per tutta la sua durata con varie impennate ritmiche dovute allo strapotere dietro il drumkit del solito, straripante, Dominator che comunque non eccede mai nella troppa violenza o nella velocità in questo brano. Ancora una volta  Emperor Magus Caligula sugli scudi grazie ad una performance vocale completa che varia dallo scream più acuto al growl più profondo riuscendo splendidamente in ogni variazione vocale. In poche parole : una vera e propria poesia intrisa di forte tinta nera.
“ My Latex Queen “ Chiude l’ottimo album questa diabolica composizione violenta e potentissima. Dominator, ancora una volta, incredibile dietro il drumset. Complessivamente perfetta la prova di ogni singolo membro del combo svedese che apporta qualcosa per la perfetta riuscita globale. Effetto peraltro raggiunto durante tutto l’album. La potenza che i Dark Funeral sanno sprigionare è incredibile e composizioni come questa sono la rappresentazione di tale devastazione sonora profondamente intrisa del marciume tipico del black metal. Quest’ultima traccia è dotata di un grande stacco centrale, una pausa, cui segue una ripartenza in mid-tempo che ci guiderà fino alla fine dell’album in maniera sublime.
Il combo svedese guidato da Micke Svanberg alias Lord Ahriman è una vera e propria macchina da guerra.
Questo full-length è l’ennesima conferma dello stato di grazia di uno dei migliori gruppi black metal svedesi.
Devastazione sonora totale alternata con intimi momenti ricchi di pathos.
Ultima nota per i collezionisti : nell’edizione deluxe oltre al cd, in digipack, troverete un dvd con la performance completa del concerto tenuto al Peace & Love festival lo scorso 28 giugno 2008 e il videoclip ufficiale del brano My Funeral.
Dunque, visto che nel dvd non c’è il solito making-of dell’album consiglio caldamente l’acquisto della versione limitata.

Recensione a cura di: Darkthrone85

Giudizio Complessivo : 9/10

Tracklist

1.The End of Human Race
2.The Birth of the Vampiir
3.Stigmata
4.My Funeral
5.Angelus Exuro pro Eternus
6.Demons of Five
7.Declaration of Hate
8.In My Dreams
9.My Latex Queen
——————————————————————————

Bonus DVD (limited edition only):
Live at Peace & Love festival on June 28, 2008 in Borlänge, Sweden:

1. Intro
2. King Antichrist
3. Diabolis Interium
4. The Secrets of The Black Arts
5. The Arrival of Satan’s Empire
6. Goddess of Sodomy
7. 666 Voices Inside
8. Vobiscum Satanas
9. Hail Murder
10. Atrum Regina
11. An Apprentice of Satan

Comments are closed.