lunedž, novembre 20, 2017 17:13

Cultes des Ghoules / Szron (Split, 2011)

Split in vinile sette pollici, limitato a cinquecento esemplari al Mondo; edito dalle etichette discografiche Garazel e  Morbid Jehovah Rec.
In questa elegante forma appare il nuovo split fra due grandi realt√† dell’underground polacco; vale a dire i Cultes des Ghoules e i¬† Szron.
Ma proseguiamo con ordine.
Nel primo lato troviamo la composizione realizzata dai Cultes des Ghoules. il progetto si forma nel 2004 e prende sostanza due anni dopo con la prima release ufficiale, un demo intitolato Angel of Poison and Death (2006); contenente tre composizioni di rara bellezza che già facevano intuire la grandezza del combo polacco.
A seguire un ulteriore demo ed un Ep nel 2007; poi √® stata la volta del primo full-length “H√§xan” (2008); nel 2009 hanno dato alle stampe un’altro interessante split con i connazionali Goat Tyrant; fino ad arrivare a quest’ultimo lavoro targato 2011.
Questa la formazione : Urian – voce; Machine – chitarra; Minski – basso; W. Earl – batteria.
Musicalmente siamo di fronte ad un combo solido che propone un black metal classico.
Le tematiche liriche sono svariate, ma i temi principali sono : adorazione del diavolo, possessione demonica e rituali antichi come del resto ci suggerisce il moniker stesso della band.
Cultes des Ghoules infatti è un libro arcano di magia nera e si rifà al mito di Cthulhu nei racconti del geniale H.P. Lovecraft.
‚Äú Ridden with Holy Garce (Supreme Black Illumination Part II) ‚Äú si apre con una veloce introduzione parlata seguita dalla traccia vera e propria. Oltre otto minuti di solido black metal. Ottima la prova vocale di¬† Urian, notevole la costruzione strumentale anche se, a onore del vero, poco innovativa. Durante lo scorrere del tempo troviamo numerosi cambi di tempo e ritmo che rendono la composizione pi√Ļ longeva e godibile. La cosa migliore della struttura strumentale sono¬† gli incastri perfetti fra basso e chitarra. Nonostante i vari cambiamenti di tempo e ritmo la traccia non viene mai snaturata completamente e durante tutta la sua durata rimane claustrofobicamente colorata di nero pece.
Finita la traccia dei Cultes des Ghoules e tempo di passare al secondo gruppo della release.
Si tratta di Szron; altro storico progetto polacco.
Il combo si forma nel 2000 e nell’anno successivo rilascia due demo destinati a fare la storia del black metal polacco : Pure Slavonic Blasphemy e Frost Eternal. Due demo straordinari per intensit√† e per la straordinariet√† di suonare grezzissimi seppur si riescano ad ascoltare distintamente tutti gli strumenti suonati. (Caratteristica che tuttora, fortunatamente √® rimasta intatta).
Seguiranno numerosi split, svariate compilation e due full-length. The Purificating Flame of Annihilation (2004) e Zeal (2010)
Lo stile proposto è un black metal classico, tirato, grezzo.
A livello lirico il combo predilige questi argomenti : disprezzo e avversione totale per l’umanit√† ed il cristianesimo; il male e la morte sono invece rappresentati come elementi salvifici.
Questa la line-up del duo : Demon – voce, chitarre; Beherit – basso, batteria, chitarre
‚Äú¬† The Black Prophecy ‚Äú la traccia che chiude il disco √® marchiata a fuoco dal combo polacco Szron. Black metal classico, claustrofobico anch’esso, lievemente pi√Ļ variegato e longevo rispetto alla traccia precedente. La traccia si districa durante otto lunghi minuti nei quali il combo sfoggia tutta la sua preparazione musicale con cambi, variazioni, pause e ripartenze assassine. Splendide la parte vocale con una grande interpretazione di Demon. Composizione che eleva il livello qualitativo dell’opera discografica.
Ottimo split che mette in luce le egregie qualità di entrambi i progetti.
L’underground polacco √® sempre stato notevole e progetti come questo lo dimostrano ancora una volta.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio complessivo : 7,5/10

Tracklist

Cultes des Ghoules

1.Ridden with Holy Garce (Supreme Black Illumination Part II)

Szron

2.The Black Prophecy

Comments are closed.