lunedì, novembre 20, 2017 05:48

Crucifixion Wounds – Bastard Son of God (Ep, 2009)

Ep edito dalla Unholy Distro / Fistbang Records, realizzato in 7″ e limitato a 500 copie al Mondo.
Questo progetto nasce in Germania per opera di Last Slaughter and Death Commands nel 2002.
Già dallo stesso anno è possibile ascoltare i primi vagiti del suo progetto Crucifixion Wounds tramite il demo Crumbling of the Heavenly Kingdom.
Si sono succeduti poi, nel corso degli anni, una serie di demo, ep e split dal 2004 al 2007 fino ad arrivare a questa nuova uscita.
“ Profanation of the Crucified “ La chitarra lancia subito un gran riff portante che sarà il vero accompagnamento musicale primario per il diabolico mastermind Last Slaughter and Death Commands (che da ora in avanti chiamerò LSADC per facilitare le cose). L’atmosfera che permea fin dai primissimi secondi iniziali della composizione è densa di marciume sonoro nero come la pece. Brano che, per tutta la durata, rimane su un tempo medio.
“ Blasphemous Punishment “ Ritmo serrato fin da subito con una velocità prorompente e dei riff di chitarra e basso ossessivi, ripetitivi, che chiudono ancora più il cerchio attorno ad una drum machine sincopata e ad uno scream eseguito con grande bravura da LSADC. Nel brano trova anche spazio una variazione che arricchisce il livello compositivo-strutturale dell’Ep. Anche in questo caso la prima impressione è quella del marciume sonoro più totale riportato in musica con maestria dal prode LSADC.
“ Moonlight Impalement “ Traccia che in un solo minuto e poco più rende l’idea delle potenzialità del progetto. Se cercate il grezzume più totale dovete, ad ogni costo, fare vostro questo Ep. Durante il brano, nonostante la durata quasi ridicola, vi sono due-tre cambi di ritmo con pause e ripartenze eseguite alla perfezione. Un ulteriore plauso va alla mente dietro a tutto ciò, ovvero LSADC.
“ Bastard Son of God “ la title-track dell’Ep è l’ultima composizione del lotto e anche la più lunga ed articolata. Molto buono il lavoro delle chitarre, sufficiente anche la programmazione della drum machine e poi ci pensa, come sempre, lo scream feroce di LSADC a mettere tutto a posto. Traccia che chiude l’ep alla grande e che mete in risalto, ancora una volta, il sound del tedesco come estremamente grezzo e marcio.
La proposta musicale del progetto tedesco è un black metal primitivo e grezzo ancorato alla tradizione della vecchia guardia.
Attraverso questo Ep potrete entrare a contatto con il Mondo di Last Slaughter and Death Commands e constaterete che il marciume che riesce a evocare è notevolissimo.
Puro grezzume musicale incastonato nella pece.

Recensione a cura di: Darkthrone85

Giudizio Complessivo: 7,5/10

Tracklist

1.Profanation of the Crucified
2.Blasphemous Punishment
3.Moonlight Impalement
4.Bastard Son of God

Comments are closed.