martedì, novembre 21, 2017 09:56

Cradle Of Filth – Dusk… And Her Embrace (1996)

Sono passati appena due anni dall’esordio che i Cradle Of Filth già vivono da star.
Come previsto il primo album ebbe un impatto notevole sulle scene, acquisendo consensi e pari critiche, ma il tutto non poteva che fare del bene alla band di Dani Filth, ed ecco puntuale che la storica (ormai purtroppo defunta) Music For Nations si fece avanti dopo aver fiutato l’affare.
Le conseguenze prendono il nome di Dusk… And Her Embrace, un album che ancora oggi viene considerato il loro miglior disco dalla maggior parte dei fans, ed in effetti è difficile dargli torto.
Qui dentro tutto prende corpo con più decisione, e le cavalcate metalliche si amalgamano perfettamente agli arrangiamenti sempre più sontuosi e dalle forti tinte gotiche.
I Cradle Of Filth affilano le armi concentrandosi su una scrittura più asciutta e decisa, che lascia da parte alcuni inutili fronzoli presenti sull’esordio (elemento comprensibile al primo disco), e i risultati si possono ascoltare in Funeral In Carpathia, nella potente  Malice Through The Looking Glass e ovviamente anche in A Gothic Romance (Red Roses For The Devil’s Whore), senza nulla togliere a tutto il resto.
La produzione si è fatta massiccia e anche la voce pur restando estrema acquisisce in varietà e  versatilità.
Il concept è sempre lo stesso ovviamente, ossia vampiri e vampirelle, la copertina parla chiaro.
Disco consigliato.

Recensione a cura di: BurdeN

Giudizio Complessivo: 8,5/10

Tracklist

1.Humana Inspired To Nightmare
2.Heaven Torn Asunder
3.Funeral In Carpathia
4.A Gothic Romance (Red Roses For The Devil’s Whore)
5.Malice Through The Looking Glass
6.Dusk And Her Embrace
7.The Graveyard By Moonlight
8.Beauty Slept In Sodom
9.Haunted Shores

Comments are closed.