mercoledž, novembre 22, 2017 19:51

Cold Void / Tod – Black Metal Armageddon (Split, 2004)

Uno split-cd con i fiocchi, di quelli che escono molto raramente sul mercato.
In questo caso le band coinvolte sono entrambe Italiane, e appartengono inoltre a quella ristretta schiera di gruppi che sanno come suonare del vero e diretto Black Metal, fra l’altro di qualità elevata.
I primi a lanciare le quattro testate nucleari a disposizione sono i Cold Void, e lo fanno come al solito con estrema facilit√†, anche perch√© il loro stile ben si adatta alla situazione live, quindi trova nella versione ‚Äústudio‚ÄĚ un groove non indifferente, anche nella cover dei The Exploited, rivitalizzata in una chiave decisamente pi√Ļ brutale.
Quando viene il turno dei Tod la situazione non cambia poi molto, anzi se possibile peggiora pure (in senso positivo), poiché la pioggia di fuoco è irrefrenabile.
Non è certo un mistero la mia preferenza per i Tod, ma bisogna ammettere che la loro carica negativa possiede un qualcosa di funesto e ben riconoscibile rispetto alla massa.
Black Metal Armageddon (mai titolo fu pi√Ļ esplicito) contiene quaranta minuti di quello che si pu√≤ chiamare True Black Metal, senza alcun compromesso.

Recensione a cura di: BurdeN

Giudizio Complessivo: 7,5/10

Tracklist

Cold Void
1.Frostbane’s Gate (New Era Version)
2.Fistfucking Armageddon
3.Obscure Alcoholic Wounds
4.Porno Slut (The Exploited Cover)

Tod
5.Intro/Hate Campaign
6.Blood Filled Eyes
7.In The Endless Black I Lay/Outro
8.Do You Dream Of Me? (Tiamat Cover)

Comments are closed.