sabato, novembre 18, 2017 19:36

Cold Void – Through The Path Of Sin (2009)

Primo disco ufficiale per i nostrani Cold Void, fautori di un Black Metal tagliente quanto groovy, il tutto riletto ovviamente in una chiave retrò che non guasta mai.
In Through The Path Of Sin è presente dell’incontaminato Metal estremo che farà la gioia di tutti gli appassionati delle cose semplici, ma efficaci.
La lezione che hanno studiato negli anni, magari chiusi nelle loro stanze ad ascoltare per ore di seguito gli Immortal e i Sodom, oggi porta i suoi frutti.
La base su cui costruiscono le fondamenta per il loro personale massacro sono molto lineari, con quei riffs secchi e trascinanti, con una sezione ritmica molto ficcante ed elastica e in fine con una produzione molto live che li aiuta di parecchio.
Prendete gli Immortal di Pure Holocaust e metteteci sopra un’ulteriore dose di cattiveria, mixate il tutto e dategli una decisa impronta Thrash Metal made in Germany, miracolosamente usciranno fuori questi Cold Void.
Through The Path Of Sin è soltanto l’esordio, con tutti difetti e i pregi del caso, però mette in evidenza un gruppo con delle doti particolari, che senza inventare nulla di nuovo si lascia apprezzare al primo colpo.
A questo punto non resta che sperare in un futuro in continua crescita, sotto tutti i punti di vista.

Recensione a cura di: BurdeN

Giudizio Complessivo: 7,5/10

Tracklist

1.Born Today To Die
2.Raped By Birthate
3.Sado-Maso-Christ
4.Cancer Of Soul
5.Thousand Times Dead
6.Putrid Lips
7.Filty Whores’ Harem
8.Blashyrk (Mighty Ravendark, Immortal Cover)

Comments are closed.