domenica, novembre 19, 2017 21:32

Cirith Gorgor – Cirith Gorgor (2007)

Nuovo capitolo discografico per questa band a tema tolkeniano.
Ed è subito un’invasione di black cupo,ma nel contempo energico,quella di “Total Annihilation”. Dei riff darkthroniani si accompagnano a uno scream sofferto e ben costruito. Il titolo di questa song è indubbiamente ben scelto,l’effetto è quello desiderato. L’atmosfera che crea,poi è davvero bella.
“The Black Hordes” sorge dal nulla,portata da un riff perfetto,e che presenta anche un’assolo col proseguire della canzone,che non stona affatto. Lo scream è sempre perfetto,con la furia che il black è giusto che abbia, che come le grida di un nazgul annichilisce l’ascoltatore…a meno che non sia blackster. Verso la metà rallenta,ed è solo furia musicale a farla da padrona per un po’. Svanisce questa traccia con delicatezza invernale resa da chitarre acustiche e dal gracchiare di corvi.
“Demonic Incarnation”,la terza traccia, prende il sopravvento con chitarre che come al solito costruiscono l’armonia della canzone, mentre la voce,che a tratti sembra quasi un growl, continua a regalarci sferzate d’odio.
La batteria,prima rimasta un po’ in sordina, ci introduce a “Ritual”, dove anche qui lo scream è unito a un cupo growl che però rimane in secondo piano. Apprezzabile ancora una volta l’assolo, che però è breve,per ricordarci che pur sempre di black si tratta. Capiamo il nome “Isengard”, mentre il riff portante ci cattura come la morsa dell’Anello su di noi. Molto apprezzabile il ritmo cadenzato,da vero rituale.
“Master Of Dark Sorcery”. Sarà forse Saruman,o Sauron stesso? Impossibile capirlo dal malefico e
incomprensibile scream. Le chitarre reggono il gioco,purtroppo a dispetto della batteria tenuta un po’ in disparte.
Subentra dunque “Warcry Of The Southern Lands”, dove per un po’ la batteria ha un maggiore risalto, ma la trama chitarristica forma la canzone in modo vero e proprio,coadiuvata da un scream che non mi stancherò mai di lodare,malvagio al punto giusto. Il ritmo incalza,come una marcia di creature mostruose. Chitarra e batteria marciano insieme in modo perfetto.
“Der Untergang” chiude il disco,e inizia con un ritmo possente e una voce quasi “narrante”,anche se totalmente incomprensibile..ma niente paura,lo scream riprende il sopravvento. Molto epico l’assolo,e bella la chiusura del pezzo.
Unica pecca di questo cd può essere la produzione, forse troppo nitida. Ma per il resto rimane sempre piacevole,anche se non proprio oltranzista.

Recensione a cura di: DelemnO

Giudizio Complessivo: 7,5/10

Tracklist

1.Total Annihilation
2.The Black Hordes
3.Demonic Incarnation
4.Ritual
5.Master of Dark Sorcery
6.Warcry of the Southern Lands
7.Der Untergang

Comments are closed.