sabato, novembre 18, 2017 09:57

Celestia – Archaenae Perfectii (2010)

L’ultima fatica della prolifica band francese Celestia, “Archaenae Perfectii”, si configura come un album prezioso e oscuro, di buona fattura, arricchito da numerosi spunti originali e digressioni verso il passato.
L’album, nato dalle menti di Ghaast e Noktu (già sessionist nei peste Noire), è una sublime unione tra melodia e brutalità, tra chitarre acustiche e scream dannato, che si intrecciano continuamente con una notevole fluidità (si veda, ad esempio, le tracce doppie “Dogmatii Duality / Au Crepuscule Sous Les Larmes” e “ArcheArcanae Des Parfaits”). Il combo transalpino propone infatti sia un black metal diretto, pulito e netto, senza fronzoli o abbellimenti, in cui dominano lunghi riff di chitarra accompagnati da una batteria decisa e marziale, sia alcune lunghe parentesi totalmente acustiche, quasi delle oniriche ballate, che fanno tirare il fiato all’ascoltatore e lo trasportano in un universo parallelo dove dolcezza e ferocia convivono concatenati, quasi come ad opera di un incantesimo. Emblematico da questo punto di vista è il brano centrale “Dominus Crux Spiritus    ”, dove l’anima della band emerge in maniera distinta.
Dal punto di vista strumentale, è possibile rilevare una grande capacità tecnica del gruppo che tuttavia viene annebbiata a causa della mancanza di originalità dal punto di vista compositivo, che a tratti rende la produzione prevedibile.
Tuttavia, questa lacuna è colmata dallo splendido stile che rende il full-lenght formalmente molto valido e ricco di sfaccettature, ideale per chi è alla ricerca di qualcosa fuori dal comune.

Recensione a cura di: Akaah

Giudizio complessivo: 8/10

Tracklist

1.Grandiohsia Obverturae / Vue Du Ciel
2.Demhiurghic Deity (Devilution)
3.Phoenemenae of Creation
4.Dogmatii Duality / Au Crepuscule Sous Les Larmes
5.Dominus Crux Spiritus
6.ArcheArcanae Des Parfaits
7.Perfectii Ketter Katharos
8.Nuit Qui Brille Comme Soleil

Comments are closed.