mercoledž, gennaio 24, 2018 01:51

Castle – Blacklands (2012)

Un doom metal non eccessivamente pesante e trasgressivo: ecco cosa il trio statunitense Castle ci presenta con la sua pi√Ļ recente produzione, dal titolo ‚ÄúBlacklands‚ÄĚ.
Dal punto di vista strumentale, pur non eccellendo a livello di originalit√†, i tre di S. Francisco presentano uno stile basato su dialoghi chitarra-batteria fluenti, ma non particolarmente rapidi n√© tecnici, nelle ritmiche. Tuttavia, a pesare un po‚Äô e a far storcere il naso ai puristi del genere √® sicuramente la voce, in clean, affidata all‚Äôimperturbabile bassista Elizabeth Blackwell. I suoi vocals, infatti, tendono ad ‚Äėalleggerire‚Äô e non di poco i brani, rendendoli meno performanti e allontanandoli dai canoni classici di questo genere cos√¨ oscuro. Non sar√† certamente un capolavoro, ma si tratta sempre di una produzione piuttosto godibile, nelle sue sperimentazioni.

Recensione a cura di: Akaah

Giudizio complessivo: 7/10

Tracklist

1. Ever Hunter
2. Corpse Candles
3. Storm Below the Mountain
4. Blacklands
5. Curses of the Priests
6. Venus Pentagram
7. Alcatraz
8. Dying Breed

Comments are closed.