mercoledž, novembre 22, 2017 20:03

Carpe Noctem – Carpe Noctem (Ep, 2009)

Direttamente dall’Islanda (precisamente dalla capitale Reykjavik) ecco giungere un quartetto di musicisti agguerriti dediti ad un black metal classico ma che al contempo propone suoni e arrangiamenti moderni.
Il gruppo si forma nel 2005 e nel 2008 rilascia il primo demo.
Il primo lavoro “vero” √® dunque questo nuovo Ep, datato 2009 che ci consegna un gruppo affiatato autore di composizione notevoli sia dal punto di vista lirico che compositivo.
Per questo lavoro, così come per il demo, il combo si è autoprodotto e autofinanziato; scelta che qualitativamente gli ha dato ragione, ma procediamo con ordine.
La line-up del combo islandese √® la seguente : Alexander Dan Vilhj√°lmsson – Voce e testi; Andri √ě√≥r J√≥hannsson – chitarra e basso; T√≥mas √ćsdal (TMS) – chitarra e basso; Guitar & bass; Helgi Rafn Hr√≥√įmarsson – batteria e percussioni.
‚Äú Vargsf√¶√įing ‚Äú Introdotta dal rumore del vento parte la tempesta, ovvero la musica proposta dal quartetto black metal. Terremotante il drumming, particolarmente incisiva la sezione ritmica di chitarra e basso, fenomenale lo scream. Composizione che si sposta subito su lidi particolarmente veloci, grazie ad una performance fenomenale d’insieme. Devastante lo scream di¬† Alexander Dan Vilhj√°lmsson cos√¨ come il forsennato drumming di¬† Helgi Rafn Hr√≥√įmarsson. Spettacolare le pause create dai soli arpeggi chitarristici pi√Ļ la voce in scream-sussurrato. Pura emozione che diviene sempre pi√Ļ grande grazie alle ripartenze di puro black metal tirato ma senza mai sfociare nel cacofonico. Nella parte finale una piccola pausa ci fa tirare il fiato per poi terminare in un turbinio di pura violenza reso ancor pi√Ļ violento dall’immenso Helgi Rafn Hr√≥√įmarsson che dietro la batteria √® un’autentica macchina da guerra.
“ Jötunborinn “ Ritmo iniziale dato dalla perfetta disarmonia creata da chitarra, basso e batteria. La composizione è un vero pugno in faccia con splendidi inserimenti chitarristici che ne completano la furia sonora. Non mancano repentini cambi di tempo, stacchi improvvisi e ripartenze assassine. Altra traccia preziosa che mette in mostra le numerose abilità del combo.
‚Äú Metamorphoses Maleficarum ‚Äú Siamo di fronte ad un’autentica suite nera. I Carpe Noctem in oltre dieci minuti e venti. Dopo un minuto circa di introduzione parlata, parte l’attacco sonoro realizzato dal gruppo di¬† Reykjavik. Composizione che risplende di una profonda ‚Äúluce‚ÄĚ nera. Brano variegato e complesso che al suo interno lascia trasparire la grandezza assoluta di un combo giovane e underground. Meravigliosi i continui cambi di tempo con stacchi improvvisi e ripartenze letali realizzate con grande tecnica e notevole velocit√† d’esecuzione. Da brividi la parte centrale, dove troviamo una parentesi strumentale di grande efficacia. La composizione riprende il suo ritmo violento e ruvido attorno all’ottavo minuto per poi trascinare l’ascoltatore fino alla fine.
‚Äú Sk√°lholtsbrenna ‚Äú Ultima traccia del disco. Oltre otto minuti di durata. Pura violenza e maestria compositiva amplificata in modo incredibile dall’immensa performance dietro il drumkit di Helgi Rafn Hr√≥√įmarsson. Ottima la prova corale, ma non si pu√≤ non citare la straripante sezione ritmica. Perfetti come sempre gli scream vocals particolarmente riusciti e realizzati con estrema classe dal bravissimo¬† Alexander Dan Vilhj√°lmsson. Neanche in quest’ultimo brano mancano cambi di tempo, stacchi e ripartenze improvvise che determinano una longevit√† globale molto alta.
Ottimo Ep che mostra, attraverso e quattro composizioni presenti, tutte le numerose peculiarità del combo islandese.
Spero al pi√Ļ presto di poter recensire una nuova uscita, magari un full-length per vedere come se la cavano su un tempo pi√Ļ dilatato.
Per il momento non posso far altro che consigliarvi l’acquisto di questo splendido ep di puro underground musicale nero.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio Complessivo : 8/10

Tracklist

1.Vargsf√¶√įing
2.Jötunborinn
3.Metamorphoses Maleficarum
4.Sk√°lholtsbrenna

Comments are closed.