sabato, novembre 18, 2017 00:40

Carniwhöre – Rising Up (Ep, 2010)

Primo lavoro per questo duo norvegese rilasciato sotto forma di Ep dalla Duplicate Records.
Gruppo formato da : Necroglenn – voce, basso ; Tevje – chitarra.
Si formano nel 2008 e dopo due anni rilasciano questo primo lavoro, un ep, della durata di quasi dodici minuti.
Le tematiche sono horrorifiche e anticristiane mentre per quanto riguarda la parte musicale, nell’ep, troviamo un thrash/black metal particolarmente sporco che ricorda i mitici gruppi dei primi anni ’80.
“ Rising Up “ la prima traccia del lotto è anche la title-track del disco. Il duo norvegese grazie ad un’ottima amalgama sonora crea la perfetta base strumentale per le scream vocals di Necroglenn. Il ritmo è tirato e potente. E superato il primo minuto e mezzo troviamo un incremento di velocità e di violenza notevole data dalla drum machine sapientemente programmata dal duo. Notevole il risultato finale. Puro marciume thrash/black metal. Negli ultimi trenta secondi, la composizione ritorna allo stato iniziale, ovvero tirata ma meno violenta rispetto alla parentesi estrema presente a metà brano.
“ Conceived In The Pits “ buono il riff portante, buona la struttura ritmica. Dopo pochi secondi introduttivi la composizione diventa ancor più tirata e violenta. Risultato finale buono ma senza dubbio si può (e si deve) fare di più. Soprattutto il combo norvegese a mio avviso dovrebbe variare di più la struttura dei brani e maturare anche dal punto di vista esecutivo. Fatte queste doverose precisazioni la composizione rimane comunque godibile.
“ Morbid Crucifixion “ molto buona la struttura portante creata con la drum-machine così come il riff portante di chitarra e basso. Buona anche la voce, ottimo scream personale e potente. Tuttavia i problemi in fase esecutiva e compositiva che riportavo sopra non scompaiono e la composizione non decolla. Peccato perché i mezzi per fare molto bene il duo norvegese li ha. Intendiamoci nel complesso si tratta di un brano veramente buono, puro thrash / black metal suonato con stile ma manca quella punta di stile in più, quel quid che servirebbe per far decollare il brano come dicevo prima. Peccato dunque.
“ Addicted To Death “ Ultima traccia del lotto, senza dubbio si tratta della traccia più riuscita del disco. Molto buona la costruzione strumentale, perfetta la voce in scream, eccellenti basso, batteria e chitarra. Troviamo anche numerosi cambi di tempo, stacchi, ripartenze e variazioni sonore che donano maggiore longevità e bellezza alla composizione. Il livello di marciume sonoro proposto dal combo norvegese è dannatamente alto ed è senza dubbio da premiare.
Concludendo un buon Ep.
Sono convinto che in ambito thrash/black metal il gruppo norvegese saprà far bene e in questo lavoro ci sono tutte le carte in regola che dimostrano le numerose abilità del combo, si tratta solo di mettere a posto determinate pecche compositivo-esecutive ma si tratta di poca roba considerando l’elevato potenziale dei Carniwhöre.
Attendo fiducioso un nuovo lavoro, meglio ancora se un full, per saggiare meglio le indubbie qualità della band.
Per il momento non posso far altro che consigliarli agli amanti delle sonorità old school

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio Complessivo : 7/10

Tracklist

1.Rising Up
2.Conceived In The Pits
3.Morbid Crucifixion
4.Addicted To Death

Comments are closed.