lunedě, novembre 20, 2017 17:08

Carach Angren – Where the Corpses Sink Forever (2012)

Il gruppo nederlandese Carach Angren torna sulle scene dopo due anni di silenzio con quello che, finora, è senza dubbio la sua release più matura e studiata.
Il black sinfonico presentato in “Where the Corpses Sink Forever” è infatti il prodotto migliore pubblicato fino ad ora dal trio olandese, che ancora una volta si afferma come una delle migliore realtà di questo genere in Europa. Le 9 tracce presenti nell’album, di durata variabile, sono infatti un’ode al black, grazie alle modulate voci di Seregor e Ardek e ai ritmi incalzanti e martellanti scanditi dalla batteria, ma possiedono anche un’imponente componente sinfonica, affidata allo stesso Ardek, capace di arricchire notevolmente i brani, che diventano decisamente più originali, raffinati e a tratti anche aulici. Un must per gli amanti di questo sotto genere black, sicuramente una delle migliori produzioni per l’anno in corso.

Recensione a cura di: Akaah

Giudizio complessivo: 9,5/10

Tracklist

1. An Ominous Recording
2. Lingering In an Imprint Haunting
3. Bitte Tötet Mich
4. The Funerary Dirge of a Violinist
5. Sir John
6. Spectral Infantry Battalions
7. General Nightmare
8. Little Hector What Have You Done?
9. These Fields are Lurking (Seven Pairs of Demon Eyes)

Comments are closed.