domenica, giugno 17, 2018 23:38

Cadaveria – Horror Metal (2012)

Abbiamo dovuto aspettare 5 lunghi anni nell’attesa che questa  band biellese pubblicasse una nuova release, 5 anni sono tanto tempo ma ascoltando Horror Metal, penso ne sia valsa la pena. Un ritorno alla grande, non c’è che dire, in cui si è saputo miscelare alla perfezione un variegato universo di stili e generi, ma dove alla fine a prevalere è una splendida e personale interpretazione. Una particolarità  che salta all’orecchio è la maestria nell’alternare l’uso vocale di Cadaveria: una forma rude, cattiva, al maschile, dove scream e growl  danno incisività alle parti più estreme e una forma più emotiva e, volendo, fragile, al femminile, come se si volesse far notare che il ruggito di un drago incute timore tanto quanto il dolce e tragico canto di una Banshee. Notevole la capacità di infondere una sensazione di oscura malignità, che ci accompagna in questo viaggio verso una ritrovata passione nei confronti di un occultismo che sembra recuperare ampi spazi tra gli estimatori e gli esecutori del genere estremo. Anche a livello sonoro, l’esecuzione è più grezza, molto più diretta e perché no, macabra. Tra le 11 tracce presenti nell’album, non è difficile perdersi in melodie che sanno di antico e che finiscono per evolversi in sonorità sulfuree e malevole, tanto care al Black e al Doom, non c’è una traccia migliore dell’altra, ognuna ha la sua storia e il suo universo,tutte sono tessere indispensabili e preziose di un’elaborato e magico mosaico.
Bentornati Cadaveria e….grazie.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio complessivo : 8,5/10

Tracklist

1. Flowers in Fire
2. The Night’s Theatre
3. Death Vision
4. Whispers of Sin
5. Assassin
6. The Days of the After and Behind
7. Apocalypse
8. The Oracle (Of the Fog)
9. Requiem
10. This Is Not the Silence
11. Hypnotic Psychosis

Comments are closed.