sabato, novembre 18, 2017 13:34

Brocken Moon – Mondfinsternis (2005)

I Broken Moon sono un progetto appassionante.
Vive nelle viscere dell’immenso underground tedesco ed è formato da il talentuoso Grim, già membro dei cugini Aaskereia, e da Humanhater.
‘Mondfinsternis’ è il loro primo full lenght rilasciato per la Christhunt Production, in realtà si tratta di una raccolta dei 3 demo emessi dalla band nel 2005, che sono cronologicamente ‘Seelenwanderung’,’Trauer & Verachtung ‘e ‘Vollmond’.
I nostri sono autori di un buon songwriting,ben ispirato e sincero,debitori del primo Burzum, complice anche uno screaming di notevole effetto che ricorda quello sofferto di Nattram degli svedesi Silencer.
La musica procede piacevole e senza intoppi,con una produzione sufficientemente meritevole. Incentrano il loro punto di forza su riff minimalisti e grezzi alternati dalla chitarra pulita che diletta l’ascoltatore con arpeggi degni di nota,conferendo alle canzoni atmosfere limpide ed eterogenee,il tutto condito da melodie malinconiche e tipicamente depressive.
Nel complesso i Brocken Moon non dicono nulla di nuovo,soliti schemi e solite influenze,tuttavia riescono a catturare l’attenzione dell’ascoltatore con degli isolati ma sostanziosi picchi compositivi.
Molto belli gli stacchi melodici con voce pulita alternato allo screaming di Grim nella traccia ‘Das Tränenmeer’,oppure ‘Mein Herz voller Hass’ in cui le tastiere costruiscono melodie limpide e malinconiche modellando paesaggi lunari ed evocativi.
Per tutta la durata del disco,i Brocken Moon si mantengono fedeli  alla linea compositiva che hanno adottato la quale si dipinge variegata ed eterogenea :si passa da riffing poco raffinati ad arpeggi ipnotici,da voci sussurrate ad uno screaming disumano e sofferto,da eleganti passaggi di tastiera a piccoli intervalli di musica ambient.
Insomma un disco gradevolmente altalenante e allo stesso con le idee chiare che conferisce ai Brocken Moon un segno di riconoscimento che permette loro di spiccare il volo da quel limbo chiamato underground teutonico.
Per  tutti gli amanti di sonorità depressive e minimaliste.

Recensione a cura di: Obscurus

Giudizio Complessivo: 7,5/10

Tracklist

1.Die Einsamkeit meiner Seele
2.Schattenwelt
3.Das Tränenmeer
4.Mein Herz voller Hass
5.Vollmond
6.Klagelied des letzten Wolfes
7.Astralwanderung

Comments are closed.