sabato, novembre 18, 2017 13:33

Blodfest – Lejres Fald (2010)

Aspettavo con sufficiente ansia la nuova release di questa band danese, anche se i timori erano tanti, invece, se il precedente Den Flyr Ej Ilden è stato un buon disco, questo lo supera di gran lunga.
Non risulterà sicuramente un disco di facile ascolto, è molto diverso dai precedenti, il suono è estremamente pesante quindi è facilmente intuibile che la parte del leone la facciano le percussioni e il basso, ed è proprio da questo che possiamo apprezzare l’abilità della band nel non trascendere in quel Death Metal che ultimamente sembra prevalere nell’evoluzione di molte black Metal Band, e nel rimanere nei canoni del genere creando un suono capace di celare al suo interno un Male profondo e compresso, ma pronto ad espandersi al di là di ogni possibile barriera con la chiara percezione della violenza con cui esploderà e si riverserà sul mondo.
Kimbrerkongen è l’esempio più evidente del cambio di sonorità intrapreso dal gruppo, sonorità che ritroviamo nella esasperata disperazione di De Slette Skjolde, dissonante e unica, o nelle sinistre voci di Veben Smurt I Dodes Blod che come malefiche radici si insinuano tra le strette fessure di quell’impalpabile muro che separa il Male da quel mondo su cui dilagherà.
Non è facile comprendere Lejres Fald, non al primo ascolto, non troverai il minimo piacere per le orecchie, dovrai solo districarti nei molteplici strati da cui è composto e che nascondono effetti e sfumature che lo rendono un vero e superbo contenitore dell’essenza oscura del Male.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio complessivo : 7,5/10

Tracklist

1.Dybet Mørkt
2.Skøfnungs Sejr
3.De Slette Skjalde
4.Kimbrerkongen
5.Stridsånd
6.Dernæst Det Døde
7.Våben Smurt I Dødes Blod
8.I Mosens Træer Hængt

Comments are closed.