domenica, novembre 19, 2017 21:28

Black Crucifixion – Hope of Retaliation (2011)

Nonostante una carriera ventennale, Hope of Retaliation è solo il secondo full-length ufficiale dei finlandesi  Black Crucifixion, ma è l’album stesso a spiegare i motivi di tanta scarsità di pubblicazioni.
Già ad un primo sguardo, la tracklist dimostra come ci si trovi di fronte ad una produzione anomala: dei 9 brani presenti, mezzi provengono da studio e mezzi da live. Quest’ultimi sono per altro dei non inediti, essendo stati in maggior parte già pubblicati nelle precedenti compilation “Satanic Zeitgeist (Live 23th of August 1991” (2009) e “The Fallen One of Flames / Satanic Zeitgeist”, uscito nei primi mesi del 2011.
La release dunque perde già notevole valore nella poca originalità e non ne guadagna nei 20 minuti caratterizzati da materiale nuovo. Al di là del buon post produzione (le tracce, anche in live, sono caratterizzate da un suono ottimale che ben valorizza tutti gli strumenti) infatti, lo stile presentato dal combo nordico è abbastanza ripetitivo, tanto che le tracks sembrano seguire uno schema comune con vocals dominanti, spesso il clean, drumming relegato all’accompagnamento e chitarre che sviluppano solo un riffing classico e dal ritmo medio. Unica isola felice è “Night Birds Sing Your Demise”, una lenta e oscura strumentale dove la voce di Forn si insinua delicatamente, quasi a voler diventare suadente narratore. Purtroppo però, questa sperimentazione non viene sviluppata, facendo in modo che la produzione non raggiunga che una risicata (non) sufficienza, dovuta soprattutto ad una chiara mancanza di idee (e di stimoli?) nel gruppo.

Recensione a cura di: Akaah

Giudizio complessivo: 5,5/10

Tracklist

1.Retaliation
2.Night Birds Sing Your Demise
3.Blood Soaked Snow
4.Bitten by the Long Frosts of Life
5.Where Will You Hide (Live)
6.Master Spirit (Live)
7.Promethean Gift (Live)
8.Serpent of Your Holy Garden (Live)
9.Winterkill (Live)

Comments are closed.