sabato, novembre 18, 2017 00:32

Bilskirnir – Hyperborea (Ep, 2005)

Ottimo progetto dell’Underground tedesco, molto prolifico nel produrre split e mini ma decisamente poco incline al full-lenght, dai loro esordi nel 1997 al 2005 ne hanno prodotti solo tre,vengono osannati dai loro estimatori per le tematiche trattate, rientrano infatti nel controverso mondo del NSBM, ma, a parte gli schieramenti ideologici e politici, propongono uno stile  che musicalmente è veramente difficile non apprezzare.
Anche nella loro imponenza i Bilskirnir li riconosci subito poiché su tutto prevale la componente folk-melodica, nonostante il loro sia un Black Metal grezzo e graffiante, con uno screaming urlato dietro ad un megafono, riesci a comprendere quanto sia grande l’amore per le proprie radici. Lo percepisci dal momento che dietro il ronzare delle chitarre e gli stupendi intermezzi acustici ritrovi sempre  quella classica melodia folkeggiante.
Non sono molte le tracce presenti su questo EP, solo 3, ma bastano per rendersi conto che con questo progetto si va sempre a colpo sicuro.
Come non rimanere abbagliati da As Snow Covered The Hyperborean Soil e dalla sua cadenza lenta e maestosamente imponente; per non parlare della conclusiva Autumn Fires, incredibilmente Old Style.
Non penso vi sia altro da aggiungere, solo consigliare di mettere da parte, almeno momentaneamente, tutti i pregiudizi iniziali e ascoltare, non solo questo disco, ma anche tutte le produzioni precedenti di questa band (anzi, per essere precisi, one-man band) perché le emozioni  elargite sono molteplici e degne di essere provate (politica a parte se non condividete).

Recensione a cura di: Blackraven

Giudizio Complessivo: 8/10

Tracklist

1.As Snow Covered The Hyperborean Soil
2.Nordic White Desert
3.Autumn Fires

Comments are closed.