domenica, novembre 19, 2017 21:29

Behexen / Satanic Warmaster (Split, 2008)

Magnifico split che si presenta in tre versioni, due delle quali in vinile 10 pollici (picture disc, oppure la classica versione nera) e una in cd digipack.
L’artwork è meraviglioso, splendidamente rifinito in tutte le edizioni, ma in particolar modo in questa che sto recensendo per la webzine, ovvero la meravigliosa versione in picture disc.
Dopo aver ammirato notevolmente a lungo l’artwork non posso far altro che prendere il vinile e inserirlo nel giradischi.
Questo split è diviso tra due dei più grandi e riusciti progetti che il black metal finlandese abbia mai partorito.
Due progetti, due pezzi ciascuno per lato.
Il lato A è affidato ai grandi Behexen, gruppo attivo fin dal 1994 che non ha certamente bisogno di ulteriori introduzioni di sorta.
“ Mouth of Leviathan     “ inizia con un meraviglioso riff di chitarra elettrica che sembra rimarcare tutto il suo disprezzo nei confronti della società. Incredibile l’incedere del brano. Dopo pochi secondi siamo dentro al mondo dei Behexen al 100%. Perfetti sotto ogni punto di vista, come sempre. Torog è semplicemente devastante al microfono. Alla musica, particolarmente violenta, fa da contraltare la meravigliosa melodia dissonante realizzata dalle chitarre di Gargantum  e Reaper. Dietro il drumkit è presente il grande Horns che esegue un ottimo lavoro. Arrivati a metà composizione il pezzo si fa sempre più veloce e violento. Immenso Torog che esegue delle scream vocals da brividi. Negli ultimi minuti la traccia torna devastante e particolarmente violenta caratteristica dovuta anche alla grande abilità di Horns particolarmente ispirato nei suoi blast-beat e che svolge un grandissimo lavoro anche quando deve decelerare in favore di un ritmo più lento. Negli ultimi trenta secondi la composizione diviene sempre più lenta fino a quando non si spegne definitivamente con un feedback di chitarra distorta. Traccia che da solo vale l’acquisto dello split.
“ Where the Devil Spoke “ brano introdotto dalle urla lancinanti di Torog e da una batteria martellante e distruttiva. Formidabili i riff chitarristici che la coppia d’asce, i bravissimi Gargantum e Reaper,  riesce a macinare. Torog esegue delle scream vocals a dir poco disumane e molto  ispirate. Il ritmo del brano si assesta su tempi non particolarmente veloci ma che rimangano  sostenuti senza eccedere. Strabilianti gli inserimenti chitarristici che compongono gran parte del brano e che danno ulteriore linfa vitale al progetto. Incredibile composizione che mette in risalto tutte le enormi doti del combo finlandese. Il lato A del vinile termina e per quanto riguarda i Behexen posso solamente dire che hanno preparato e suonato per questo split due composizioni una più bella dell’altra.
Il lato B è affidato alla sapiente maestria di Satanic Tyrant Werwolf alias Nazgul e al suo progetto Satanic Warmaster.
“ Where Eternity Awaits “ un classico riff di puro black metal finnico targato Satanic Tyrant Werwolf irrompe nell’etere. Come sempre potente e imperioso lo scream, ottime le ritmiche create e le dinamiche strumentali. Molto particolare anche il riverbero usato per la voce in alcuni parti della composizione. La traccia rimane sempre su lidi veloci e potenti tipici del raw black metal nordico. Ecco che, superati i tre minuti, c’è uno stacco e un cambio di tempo drastico. La velocità della traccia è decisamente inferiore e possiamo godere di alcuni splendidi inserti di chitarra e di tastiera. Negli ultimi due minuti conclusivi la composizione ritorna su lidi prettamente raw black metal con delle straordinarie scream vocals firmate, come tutto il resto, dall’ottimo  Satanic Tyrant Werwolf.
Straordinario colpo di scena con l’ultimo brano dello split. “ The Burning Eyes of the Werewolf “, traccia contenuta originariamente nell’album del 2001 Strength And Honour, è qui presente in un’inedita quanto affascinante versione acustica. L’inizio è da brividi con un formidabile arpeggio acustico ad aprire il brano cui poi seguono delle chitarre sovra-incise a rafforzare l’effetto della potenza compositiva. Lo scream non perde intensità anche se è molto differente in questa versione rispetto all’originale dov’è molto più acuto e spinto. Mirabolanti gli arpeggi chitarristici che confezionano a dovere il brano rendendolo ancora più bello in questa versione acustica. Completamente liberata da tutti gli stilemi classici del black (se non fosse per la voce, in scream, probabilmente non si potrebbe neanche dire che questo sia un pezzo black metal). Ottima conclusione di uno split favoloso.
Che dire di più?
Cercate di rimediare l’edizione in picture disc. E’ curatissima, meravigliosa, di altissima classe.
Complimenti all’etichetta Hammer of Hate (di Molestor Kadotus) per il colpaccio di aver riunito  due realtà solide e rispettate come Behexen e Satanic Warmaster.
Split meraviglioso sotto ogni punto di vista.

Recensione a cura di: Darkthrone85

Giudizio Complessivo: 9,5/10

Tracklist

1.Mouth of Leviathan
2.Where the Devil Spoke

Satanic Warmaster
3.Where Eternity Awaits
4.The Burning Eyes of the Werewolf (acoustic version)

Comments are closed.