sabato, novembre 18, 2017 13:42

Behexen – My Soul For His Glory (2008)

Terzo disco per i Finlandesi Behexen, una garanzia per quanto riguarda il più classico e gelido Black Metal, di quello che ti accoltella con la mano destra e contemporaneamente con la sinistra ti stringe in una morsa di malinconia e paesaggi sonori freddi.
My Soul For His Glory è sicuramente un buon disco questo è innegabile, però risente di qualche calo qualitativo rispetto all’esordio Rituale Satanum, che metteva in mostra un gruppo dalle idee forse più spontanee e genuine.
I Behexen tentano adesso di ricalcare la mano su certi stilemi che forse iniziano a non appartenergli più, senza per questo mettere in secondo piano un Black Metal puro e distillato che emerge in tutta la sua potenza, quando viene fatto fluire senza steccati. Brani come Born In The Serpent Of The Abyss e Cathedral Of The Ultimate Void sanno il fatto loro, e faranno la “gioia” di chi li segue sin dagli esordi.
Per tutti gli altri, che ancora non hanno avuto l’occasione di entrare in conflitto con loro, consiglio di partire ovviamente dal primo (e irraggiungibile) album.
Ad ogni modo My Soul For His Glory è un manifesto di puro e incondizionato Black Metal a cui bisogna dare rispetto.

Recensione a cura di: BurdeN

Giudizio Complessivo: 7/10

Tracklist

1. Let The Horror And Chaos Come
2. Born In The Serpent Of The Abyss
3. Demonic Fleshtemple
4. 6.6.6.
5. Cathedral Of The Ultimate Void
6. My Soul For His Glory
7. And All Believers Shall Be Damned
8. My Stigmas Bleeding Black

Comments are closed.