sabato, novembre 18, 2017 10:12

Bathory – Blood On Ice (1996)

Dopo le sbandate di Requiem e Octagon, due album dalla feroce vena Thrash Metal, ma dalla qualità assai discutibile ci voleva questo Blood On Ice a riportare le quote di Bathory molto in alto. Uscito originariamente nel 1996 questo disco può essere considerato realmente come l’erede diretto di un disco come Twilight Of The Gods, soprattutto per la sua vena epica, che pulsa al massimo dei giri.
Ogni canzone in esso contenuto sprigiona un’energia che sembrava essere ormai sopita, un elemento che si esprime ad esempio in The Woodwoman, The Revenge Of The Blood On Ice e ci aggiungo anche The Sword, praticamente quello che i fans volevano sentire da Bathory.
Tutto il disco vive di luce propria, e si sente che l’ispirazione è a livelli altissimi, scorre a fiumi in linee melodiche estremamente coinvolgenti che si fanno apprezzare già dal primo ascolto.
Il 1996 è stato un anno in cui bands come Enslaved e Borknagar avevano già consolidato il loro status di concrete promesse del filone Viking Metal, ma è proprio in questo Blood On Ice che si respirano le vere radici di questo genere musicale, crudo e melodico allo stesso tempo.
Questo è sicuramente il disco da considerare come il vero e ultimo testamento artistico di Bathory.

Recensione a cura di: BurdeN

Giudizio Complessivo: 8/10

Tracklist

1.Intro
2.Blood On Ice
3.Man Of Iron
4.One Eyed Old Man
5.The Sword
6.The Stallion
7.The Woodwoman
8.The Lake
9.Gods Of Thunder Of Wind And Of Rain
10.The Ravens
11.The Revenge Of The Blood On Ice

Comments are closed.