mercoledž, novembre 22, 2017 20:05

Azaghal – Nemesis (2012)

I finlandesi Azaghal tornano, dopo tre anni quasi improduttivi, sulla scena mondiale con ‚ÄúNemesis‚ÄĚ, il primo album dopo l‚Äôabbandono del frontman storico Varjoherra.
Come gi√† segnalato nello split ‚ÄúBringers of Black Death‚ÄĚ, pubblicato lo scorso anno, gli Azaghal continuano a patire la mancanza di un vocalist potente e graffiante come Varjoherra, che contribuiva in modo rilevante e insostituibile alla buona riuscita delle release del combo nordico. La voce di Niflungr infatti, pur essendo molto curata e profonda, non riesce minimamente a raggiungere i livelli del suo predecessore, soprattutto per quanto riguarda lo scream, togliendo molta potenza ed incisivit√† al full-length nel suo complesso. Per il resto, le tracce presentate dal quartetto non si scostano molto dallo stile tradizionale a cui i finlandesi ci hanno abituato: ritmi oppressivi ed incalzanti, drumming marziale e onnipresente, chitarra piuttosto costante e basata su soprattutto sul riffing, salvo qualche passaggio pi√Ļ elaborato e, per concludere, i classici testi anticristiani e inneggianti al satanismo (nuovamente, sia in inglese che in finlandese). Sembra quasi che la band di Hyvink√§√§ si stia un po‚Äô sedendo sugli allori della fama passata, senza curare in maniera particolare ci√≤ che va a pubblicare, ma presentando un prodotto finito che ‚Äėsi vende da s√©‚Äô, senza troppe pretese. Auguriamoci una pronta smentita..

Recensione a cura di: Akaah

Giudizio complessivo: 7/10

Tracklist

1.  De Masticatione Mortuorum
2.  Pohjoisen Valkoinen Kuolema
3.  Vihasta ja Veritöistä
4.  Hail the Whore
5.  Ex Nihilo
6.  In Deathlike Silence
7.  Black Legions of Satan
8.  Nemesis
9.  The Pit of Shoggoths
10. Satanic Devotion

Comments are closed.