martedž, novembre 21, 2017 09:46

Azaghal – Mustamaa (1999)

Eccolo l’esordio dei Finlandesi Azaghal, da poco tornati sul mercato discografico con Omega.
Bene qui siamo nel pi√Ļ classico e freddo Black Metal, e questo credo sia facilmente intuibile anche da un artwork che forse oggi strapperebbe qualche sorriso.
La musica alla fine non è nemmeno male, certo sono presenti le solite ingenuità di sorta, però è innegabile quel fascino perverso che rende il Black Metal Finlandese certe volte un qualcosa di unico.
Generalmente le canzoni non durano molto, tranne per la prima Yht√§ Y√∂n Kanssa (One With The Night), che sfiora i sei minuti di durata. Tutto il resto si assesta su sonorit√† pi√Ļ dirette e concise, ed √® proprio questo sicuramente un pregio, perch√© cos√¨ facendo in Portinvartija (Gatekeeper) e Juudas (Judas) si va dritto al sodo, lasciando stare inutili fronzoli.
Purtroppo per loro con il passare degli anni sono rimasti solo un gruppo cult, senza mai raggiungere quel successo che a dispetto di certi perfetti idioti si sarebbero meritati.

Recensione a cura di: BurdeN

Giudizio complessivo: 8/10

Tracklist

1.Yhtä Yön Kanssa (One With The Night)
2.Mustamaa (Mordor)
3.Kuolema Kristukselle (Death To Christ)
4.De Vermis Mysteriis
5.Portinvartija (Gatekeeper)
6.Juudas (Judas)
7.Kosto (Revenge)
8.Viimeinen Taistelu (The Final Battle)

Comments are closed.