domenica, giugno 17, 2018 23:36

Aven – The Last Thought Of Judas (2012)

Primo full length d’esordio per questa One Man Band d’oltralpe, che , a differenza di diversi suoi conterranei dai nomi più noti che hanno preferito esplorare i territori di conquista del genere  progressive o comunque post black metal, sembra aver preferito percorrere una strada più attinente all’ortodossia del genere  mantenendo quei parametri che contraddistinguono lo stesso, pur non disdegnando una notevole contaminazione di Atmospheric che ha reso più piacevole e scorrevole l’ascolto. Piacevole è di sicuro la sovrapposizione di chitarre dal suono pulito e melodico su quelle ronzanti di sottofondo, danno un senso di imponenza all’intera struttura dei brani e una discontinuità nei ritmi altrimenti troppo simili e, comunque, mai esasperati o velocissimi, bellissimo l’assolo nella parte centrale di For Human Kind.
Come già detto in precedenza, è un disco che non si avventura in sonorità nuove o in sperimentazioni di alcun tipo, ma nell’ambito del genere Black Metal, si presenta con buone referenze e con ampi margini per future evoluzioni, le potenzialità ci sono, non ci resta che attendere.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio complessivo : 7,5/10

Tracklist

1. Stones Whisper
2. For Human Kind
3. Aven
4. Autumn
5. Misanthropy
6. The Last Thought Of Judas
7. From Johnny Cash To Venom

Comments are closed.