lunedì, novembre 20, 2017 17:09

Aura Noir- The Merciless (2004)

Finalmente, eccolo qui, il loro capolavoro.
Gli Aura Noir si presentano al nuovo millennio con il disco che maggiormente riesce a raccogliere la loro essenza spregiudicata e senza fronzoli, mi sto riferendo al loro terzo sigillo intitolato The Merciless.
Questo è anche il disco che ha sdoganato la band al “grande” pubblico, ossia a quello che evita di stare tutto il giorno alla ricerca di demotape come se fossero dei topi da biblioteca, a quel pubblico insomma che magari fa molta attenzione alle riviste di settore e si è visto all’improvviso parlare in ogni dove di questo gruppo.
Non sono di certo dei nuovi Iron Maiden a livello commerciale, ma grazie a questo disco hanno avuto una visibilità maggiore, quindi più date, e di conseguenza più casino.
La durata è limitata soltanto a 27 minuti, pochi, ma non per loro.
Non si tratta di un disco Grindcore però conserva in esso la spinta devastante tipica di questo genere, dove l’impronta Hardcore/Punk possiede la sua influenza.
Condor, Black Metal Jaw, Funeral Thrash e Hell’s Fire non sono soltanto dei titoli ma dei veri e propri manifesti sonori.
Se li avete amati dall’inizio continuerete ad apprezzarli, se al contrario li odiate da sempre non cambierete idea adesso, ma è questo quello che loro vogliono.
Culto.

Recensione a cura di: BurdeN

Giudizio Complessivo: 7,5/10

Tracklist

1.Upon The Dark Throne
2.Condor
3.Black Metal Jaw
4.Hell’s Fire
5.Black Deluge Night
6.Funeral Thrash
7.Sordid
8.Merciless

Comments are closed.