lunedě, novembre 20, 2017 05:36

Aura Noir – Deep Tracts Of Hell (1998)

Gli Aura Noir con il loro esordio portarono una ventata di freschezza in ambito Black Metal grazie ad un impatto grezzo e sporco che non poteva lasciare indifferenti, era ovvio che con il secondo disco gli appassionati iniziassero a premere per vedere se si trattava di un bluff oppure di un gruppo con gli attributi.
La risposta giunse puntuale con Deep Tracts Of Hell, anche qui il titolo parla piĂą della musica.
Se nell’esordio era la sporcizia a dettare le regole con questo secondo album è il male assoluto a sconvolgere l’ascoltatore con un Black Metal venato da pesanti dosi di Thrash Metal ottantiano.
La maggiore capacità degli Aura Noir è quella di saper scrivere canzoni efficaci, concentrate in riffs di chitarra minimali ed elementari quanto si vuole, ma allo stesso tempo incredibilmente penetranti. Il groove che scatenato è irresistibile, e chi ha avuto l’occasione di poterli vedere in azione sulle assi di un palco non può che darmi ragione, praticamente un fiume in piena inarrestabile.
Brani come Swarm Of Vultures, Purification Of Hell e ci metto anche Slasher descrivono alla perfezione la loro musica, devota al kaos, al malessere umano che siamo costretti a portarci dietro pur di “tirare avanti”.
Questo Deep Tracts Of Hell è soltanto un altro tassello nella loro carriera, premiata dall’attenzione di un pubblico sempre più affascinato dalla loro attitudine sfrontata.

Recensione a cura di: BurdeN

Giudizio Complessivo: 7,5/10

Tracklist

1.Deep Tracts Of Hell
2.Released Damnation
3.Swarm Of Vultures
4.Blood Unity
5.Slasher
6.Purification Of Hell
7.The Spiral Scar
8.The Beautiful, Darkest Path
9.Broth Of Oblivion
10.To Wear The Mark

Comments are closed.