domenica, novembre 19, 2017 21:32

Aryan Blood – Satanic Warmaster (Split , 2007)

7 pollici, edizione limitata a 1.000 copie nel mondo, le prime 88, stampate in vinile verde. Questo split si presenta così : due lati – due gruppi. In questo caso si tratta di due progetti-one-man band. Da una parte gli Aryan Blod, tedeschi e formati da Negrobutcher, autore di un classico NS black metal (come avrete intuito a partire dal nome). Mentre l’altro lato del vinile, ci offre uno straordinario progetto creato da un genio finlandese che risponde al nome di Nazgul, e del suo moniker, appunto Satanic Warmaster.
Il lato blood, ovvero quello riservato agli Aryan Blood, comincia con la traccia “  Einklang “ evocativa al 100% con grande uso dei synth a richiamare l’attenzione dell’ascoltatore e a riportarlo verso terre e miti lontani, anni luce, dal nostro attuale modo di vivere. Echi di civiltà oramai scomparse e di divinità nordiche. Dopo i synth, si possono ascoltare rumori naturali di vario genere, fauna, bombe a mano e altri rumori naturali che ci fanno entrare nel vivo dello split introducendo la successiva traccia.
“  Strength, Pride, Nobility “ già il titolo dice tutto, potrebbe anche essere uno slogan Nazionalsocialista. Ma ora veniamo alla canzone che è potentissima e violenta come poche altre, in poco più di un minuto e mezzo ci sputa contro tutta la sua rabbia e la sua indignazione verso l’attuale società. Il livello di registrazione è davvero marcissimo, con la voce che copre il resto,  e le chitarre che vanno in cacofonia con la batteria. La composizione termina con un urlo di dolore che raggiunge vette altissime e tocca in profondità l’ascoltatore.
“ Totenkopfes schwarze Brut “ anche questa traccia è prettamente grezza, con la voce che copre quasi il resto, però possiamo ascoltare una grande linea guida di basso che perdura per tutta la composizione e un’ottima parte, invece, costruita dalle chitarre, che eseguono riff forti e diretti. Il tutto con una produzione quasi cacofonica, ma non per questo meno bella di altre.
Complimenti a Negrobutcher ed al suo progetto Aryan Blood.
Il lato riservato a Nazgul e al suo progetto Satanic Warmaster, si chiama appunto, side War, e si apre e si chiude con una intro e una traccia subito attaccata, l’introduzione, è davvero solenne, ottimi i synth suonati dal grande Nazgul, e la batteria cadenzata essenziale ma che colpisce direttamente l’ascoltatore, davvero perfetta, anche la melodia che contribuisce a creare il giusto pathos nell’ascoltatore. Pian piano svanisce l’introduzione con i suoi belli e profondi synth e si fa avanti la composizione vera e propria.
“ The Chant of the Barbarian Wolves “ grandiosa composizione, davvero un classico della produzione Satanic, la composizione era stata scritta nel 2003, poi rielaborata nel 2004, infine rielaborata ancora per questa release speciale. Come sempre i picchi creativi del genio finnico non trovano rivali. Una composizione speciale e di gran gusto, riff serratissimi e tipici del genere, una batteria essenziale ma che svolge benissimo il suo lavoro. Lo scream è davvero da antologia, evocativo e ricco di pathos all’inverosimile. Composizione semplicemente stupenda che dona quel qualcosa in più a tutto lo split. Nazgul diviene straordinario quando si mette anche a divagare sul tema, ad esempio, quando esegue l’assolo terminale del pezzo con assoluta maestria. Per questa traccia, Nazgul, è stato coadiuvato da Torrech membro storico del gruppo in sede live.
Black Metal grezzissimo, marcio e oscuro.
Ottimo split.

Recensione a cura di: Darkthrone85

Giudizio Complessivo: 8/10

Tracklist

Aryan Blood (side Blood)
1.Einklang
2.Strength, Pride, Nobility
3.Totenkopfes schwarze Brut

Satanic Warmaster ( Side War)
4.Introduction
5.The Chant of the Barbarian Wolves

Comments are closed.