martedž, gennaio 23, 2018 00:13

Arvet РIhmiskärsimys (Ep, 2008)

Arvet è ila creatura portatrice di morte, depressione ed oscurità, creata da Noxifer.
Si tratta di una one man-band finlandese che si forma nel 2005 e che nel 2007 realizza il primo demo : ” El√§v√§n Kuoleman Aamuna ” e l’anno successivo questo Ep di tre brani.
Il titolo dell’album tradotto significa (pi√Ļ o meno letteralmente) sofferenza umana ed √® stato rilasciato dalla etichetta tedesca Deviant Records in cd a tiratura limitata di 500 copie¬† al Mondo.
‚Äú Mustan Valon Kantaja ‚Äú con questa prima traccia inizia il lungo cammino fatto di disperazione, dolore e sofferenza che sono i punti cardine del progetto Arvet. Dopo qualche secondo di riff introduttivi (realizzati in maniera splendida da Noxifer) arrivano le vocals strazianti in puro scream assassino. A ridosso del secondo minuto un cambio di tempo netto introdotto da uno straziante urlo; dopo pochi secondi ritorna il mastodontico (quanto opprimente) riff iniziale e il brano torna ad essere oscuro e deprimente. Dal terzo al quarto minuto circa il brano cambia completamente faccia. Rimane sempre sul depressive ma si ‚Äúcolora‚ÄĚ ancor pi√Ļ di nero grazie ad una spinta black metal old-school con tanto di riff chitarristici aggressivi e distorti. Superato il quarto minuto troviamo uno stacco interamente strumentale che dimostra tutta l’abilit√† compositiva di Noxifer. Eccellente la fitta trama suonata dal finlandese in questa parte. Sul finale ritornano i vocals assassini realizzati in uno scream sempre pi√Ļ malato e straziante. Grande traccia.
‚Äú K√§√§rmeen Sana Kuolemissani ‚Äú Un bel riff, semplice quanto efficace (soprattutto grazie all’ottima distorsione utilizzata), introduce il brano. A ridosso del primo minuto, finalmente, la song si sposta dalla stasi compositiva grazie alle strazianti vocals in scream. La traccia rimane opprimente e ossessiva lungo tutto il suo divenire se non fosse per alcuni inserimenti chitarristici, stacchi o rallentamenti improvvisi che donano un minimo di longevit√† in pi√Ļ ad un pezzo pesante come un macigno. Meravigliosa la trama musicale creata dal finlandese superato il quarto minuto dove tra chitarra, batteria e basso riesce a creare una amalgama perfetta di black metal strumentale.
‚Äú Ihmisk√§rsimys ‚Äú la title-track chiude l’ep come terza ed ultima canzone del lotto. A dir poco splendido il riff portante creato magistralmente da Nozifer assieme alla fitta trama ritmica di basso e batteria. In questo marasma sonoro elegante, oscuro e nero come la pece le graffianti e acutissime scream vocals riescono a farsi largo in maniera esemplare. Questa √® senz’altro la traccia pi√Ļ varia della release grazie agli innumerevoli cambiamenti stilistico-compositivi presenti all’interno. Splendide le ripartenze black metal dopo le pause e gli stacchi. Sempre controllate e mai troppo violente. Splendida perla nera che chiude un ep magnifico.
Ihmisk√§rsimys √® un ottimo cd che consiglio agli amanti del black metal pi√Ļ funereo e oscuro.
Sono molto curioso di sentire il primo full-length di questo progetto (sperando che esca a breve).

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio Complessivo : 8/10

Tracklist

1.Mustan Valon Kantaja
2.Käärmeen Sana Kuolemissani
3.Ihmiskärsimys

Comments are closed.