sabato, novembre 18, 2017 00:56

Arkhon Infaustus – Annunciation (Ep, 2007)

Edizione molto particolare, doppio 7 pollici, gatefold, limitato, per questo gruppo storico del panorama black \ death mondiale.
Altra peculiarità, non da poco, il fatto che sono 4 in totale le composizioni e sono una per lato. Scelta molto singolare e di particolare effetto.
Il disco si presenta bene fin da subito, sia dal punto di vista dell’artwork, sia per quanto riguarda la musica all’interno.
“ Annunciation To The Holy Ghost  “ ci fa subito capire, con la sua violentissima partenza,  l’andamento dell’ep di questo gruppo francese, da sempre, dedito a sonorità black \ death. Meraviglioso il registro vocale che passo dal growl allo scream con una facilità estrema. Il muro sonoro eretto dalla sezione ritmica del gruppo è veramente notevole. Potentissimo il basso, ancor più potente e violenta la batteria. Decisivi i vari innesti chitarristici che fanno anche cambiare il volto al pezzo. Miscuglio violentissimo di potenza, violenza e tanta tanta rabbia. La composizione cambia più volte faccia, lasciando però immutato nell’ascoltatore una sensazione di pura violenza nera.
“  Silent Voices of Perversion “ parte con un riff distorto al massimo seguito da un urlo battagliero del singer del gruppo. Dopo pochissimi istanti parte la composizione vera e propria marasma di violenza e potenza un po’ come la precedente, per atmosfera, ma differente dal punto di vista tematico e soprattutto, a lungo andare, come tessitura strumentale. A dir poco pregevoli i (rarissimi) momenti in cui la tensione del pezzo è meno evidente e c’è un momento per rifiatare, dove i vari musicisti si dimostrano veri maestri con i vari strumenti. Eccezionale come sempre il contrasto tra la voce in growl e quella in scream. Canzone che in poco meno di 5 minuti esprime al meglio le qualità distruttive di questa band francese.
“  Inside The Particle Of God “ parte con un incedere “lento” quasi doom. È solo la prima parte del pezzo che cerca di sviare l’ascoltatore dalla composizione vera e propria. Ancora una volta violentissima e particolarmente blasfema. Tutto sommato, nonostante alcune parti, siamo di fronte alla composizione più “lenta” dell’ep. Meravigliosa in alcune parti, molto meno in altre. Rappresenta un’altra sfaccettatura del combo transalpino. Composizione che mixa potenza, classe e violenza.
“  God Will Not Forgive “ altro non è che una vera e proprio outro strumentale. Che va detto da subito non è la classica outro riempitiva; ma si tratta di un qualcosa di più profondo. Ottimi i riff chitarristici, ossessivi e particolarmente azzeccati. Dopo qualche minuto di introduzione con la sola chitarra, giungono pian piano tutti gli strumenti, e finalmente, possiamo apprezzare anche una batteria particolarmente ispirata anche se più “lenta” del solito. Ottima conclusione per un eccellente Ep.
Disco molto particolare, come dicevo ad inizio recensione, dedicato a tutti coloro che amano il black\ death ben suonato ed estremizzato a dovere.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio Complessivo : 8,5/10

Tracklist

1.Annunciation To The Holy Ghost
2.Silent Voices of Perversion
3.Inside The Particle Of God
4.God Will Not Forgive

Comments are closed.