sabato, novembre 18, 2017 00:49

Arditi – Leading the Iron Resistance (2011)

Un nome, un programma….Arditi….non c’è dubbio alcuno, una vera e propria chiamata alle armi per questi svedesi filomilitaristi e dalle ideologie fin troppo riconoscibili. Non avendo mai ascoltato nulla di questa band precedentemente, mi sono trovata decisamente spiazzata nell’ascoltare questo genere musicale, a me quasi praticamente sconosciuto, un mix di Industrial, Ambient, Neo Classical e perché no, Symphonic, il tutto concentrato in uno stile che esalterebbe qualsiasi esercito sulla faccia del globo; quello che ascoltiamo qui, sono solenni marce militari studiate per ogni genere di evento : guerra, parata o trionfo. Eppure….non chiedetemi il perché…..questo disco mi piace. Lasciando perdere l’ideologia più o meno condivisibile, tralasciando che questo genere sia molto elitario, forse trovo plausibile come spiegazione, il fatto che io, oltre al Black Metal, ho una particolare predilezione per Wagner, ecco perché questo disco non è alla portata di tutti…richiede degli approfondimenti che non tutti hanno avuto il privilegio o la voglia  di cercare; le tematiche, le sonorità, le atmosfere tutto fa parte di un passato, a volte perso nei secoli, a volte non troppo distante da noi, difficile da comprendere  ma che sicuramente è legato al nostro oggi e al nostro domani, dove i valori erano e saranno gli stessi, anche se non per tutti.
Solenne, indubbiamente marziale, imponente ed epico, destinato a pochi ma non per questo da sottovalutare.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio complessivo : 7,5/10

Tracklist

1. Leading the Iron Resistance
2. False Mask of Freedom
3. Volunteers
4. Military Virtue
5. Fahnen Ewigkeit
6. Arming for War
7. Forging a New Man
8. We the Unity, You the Mass
9. A Giant Bleeds

Comments are closed.