sabato, novembre 18, 2017 00:53

Aosoth – IV An Arrow In Heart (2013)

Quinto full length per questi cultori transalpini del lato Sinistro, e come al solito, Gli Aosoth si propongono come un gruppo ostico da digerire. Rappresentanti al 100% di quel Satanic Black Metal così difficile da recepire, ma che è l’origine dura e pura del genere per quanto se ne dica, dimostrano la loro grandezza nell’andare oltre l’ortodossia più intransigente e sfociando nella dissonanza più estrema, dando origine ad un’opera in cui lo scopo, è l’esaltazione del male e del malessere, del sangue e del rituale, della follia e dell’estasi. La loro non è musica, è il ruggito dell’Inferno che si perde in atmosfere malsane e horrorifiche, a tratti metalliche e futuriste, quasi a spaziare nel tempo e nell’universo a dimostrazione di come il male sia ovunque, nel passato, nel presente e nel futuro. Le parti più rallentate, sono quelle in cui si possono trovare quelle tracce di melodia che rendono ancora più misteriosa e oscura l’atmosfera, in cui il tempo si ferma affinché si possa aprire la mente alla Conoscenza, in cui l’angoscia e il disagio trovano lo scopo della loro esistenza e la possibilità di una soluzione finale. Difficile, ipnotico, dissonante e cattivo, forse per pochi, ma indiscutibilmente Black Metal.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio complessivo : 7,5/100

Tracklist

1. An Arrow in Heart
2. One With the Prince with a Thousand Enemies
3. Temple of Knowledge
4. Under the Nails and Fingertips
5. Broken Dialogue 1
6. Broken Dialogue 2
7. Ritual Marks of Penitence

Comments are closed.