sabato, novembre 18, 2017 00:56

Antigama – Meteor (2013)

Con la pubblicazione del loro sesto full length, penso che i polacchi Antigama abbiano fatto comprendere quanto sia ormai definitiva la strada intrapresa nella ricerca di una forma personale si Death Grindcore Metal, non parlerei più di sperimentazione, ma di una e vera propria conferma al loro stile proiettato in ambienti ben poco terrestri, una visione futuristica, a tratti cibernetica, non sempre umana in cui l’unico legame che potrebbe unire e contemporaneamente dividere coloro che popolano l’Universo, è l’uso di un cervello, che sia esso in forma biologica o tecnologica. La cover dell’album riesce a spiegare visivamente, le potenzialità distruttive che un cervello attivo può avere sull’assenza di pensiero delle masse, come un meteorite che precipita su un  pianeta, potrebbe essere la Terra, causando immani distruzioni con una violenza apocalittica  esattamente come la musica proposta dalla band; il cervello usato come arma di distruzione di massa, un insieme di cellule cariche di ricordi di una specie definita, come alcuni inserti jazzistici che ritroviamo in alcuni brani, o cariche di una futura alienazione cibernetica,il cui unico scopo è la cancellazione  della non esistenza, dell’ignoranza e forse, del libero arbitrio, indiscutibilmente ri-programmatore dell’esistenza nelle forme più consone. In qualsiasi caso, Meteor è una vera forza della natura e della tecnologia, una commistione tra le sonorità del passato e quelle Industrial, futuristiche e Grindcore in cui non è difficile intercettare tracce di Noise. Nessuno spazio per la melodia, anzi, le parti più coinvolgenti sono quelle in cui è notevole la dissonanza sonora e le atmosfere sono criptiche e disarmoniche. Disco molto particolare, degno di attenzione, in qualsiasi caso….intelligente.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio complessivo : 8/10

Tracklist

1. Collapse
2. The Key
3. Prophecy
4. Meteor
5. Fed by the Feeling
6. Crystal Tune
7. Stargate
8. The Signal
9. Turbulence
10. Perfect Silence
11. Untruth

Comments are closed.